FIFA, il vice presidente: “Contratti oltre il 30 giugno? Serve accordo tra club e giocatori”

Victor Montagliani, vice presidente FIFA, ha fatto chiarezza ai microfoni di Tuttosport su alcune importanti questioni che tengono banco in questo periodo di emergenza da coronavirus. Sarà la Federazione a fare da arbitro in caso di contenziosi legati al taglio stipendi e al prolungamento dei contratti oltre il 30 giugno (caso che a Napoli riguarda Mertens e Callejon).

“Non ci sottraiamo alla nostra responsabilità. Come sempre c’è l’arbitrato della Fifa che è determinate per garantire il rispetto delle regole. Però ci auguriamo, soprattutto in un momento come questo, che prevalga la responsabilità tra le parti e che si arrivi agli accordi tra i club e i giocatori”

FIFA, novità sul calciomercato: c’è il limite della 16 settimane

Mertens e Callejon rinnovo
NAPLES, ITALY – OCTOBER 03: Jose Callejon , Dries Mertens during the Group C match of the UEFA Champions League between SSC Napoli and Liverpool at Stadio San Paolo on October 3, 2018 in Naples, Italy. (Photo by Ciro Sarpa SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

SEGUICI SU INSTAGRAM PER FOTO E VIDEO ESCLUSIVI!

 “Perché non sarebbe stato possibile gestire un mercato illimitato. Impossibile per le regole, per i club, per i calciatori. E poi serve rispetto per i tifosi: durante le partite, con un mercato continuo, non capirebbero più in quale squadra gioca un calciatore e finirebbero per disamorarsi. Diventerebbe ingestibile anche a livello tecnico. Abbiamo, questo sì, lasciato liberà temporale perché non si conoscono i tempi per la conclusione dei campionati poi, certo, speriamo che si possano armonizzare i tempi il più possibile. Ma è un segnale importante non aver costretto le Federazioni a date fisse sia sul mercato sia sul prolungamento delle stagioni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy