Venerato: “Il duro confronto c’è stato, ma è una cosa normale. Calciatori insofferenti poiché non vengono pagati da luglio”

La sconfitta di domenica sera contro il Milan sembra aver creato non pochi malumori all’interno dello spogliatoio azzurro. Tanto che, nonostante le smentite della società azzurra, continua a circolare la voce di un acceso dibattito tra Gattuso e la squadra. Inoltre, proprio i calciatori sembrerebbero scontenti per un motivo in particolare: non riceverebbero lo stipendio dal mese di luglio. Ciro Venerato, giornalista RAI, ai microfoni di Radio Kiss Kiss, ha fatto il punto della situazione delle principali vicende in casa partenopea.

La situazione in casa Napoli

napoli gattuso
Foto by Getty

Ciro Venerato, ai microfoni di Radio Kiss Kiss, si è soffermato sul malcontento in casa Napoli in virtù della sconfitta contro il Milan e della questione stipendi:

“È tutto vero. C’è stato un acceso confronto tra Gattuso e la squadra. Ringhio è uno che le cose le dice in faccia. Ha detto che lui può anche andare via, ma è chiaro che fosse una provocazione. Una minaccia, per così dire, al gruppo che è molto affezionato a lui. È una situazione molto diversa rispetto a quella di un anno fa di Ancelotti. La scorsa stagione tra il tecnico e i calciatori non c’era questo rapporto così forte. Quello che è accaduto nelle ultime ore è uno ‘scazzo’, nulla di grave. Lui è rimasto molto deluso dalla prova offerta dai suoi contro il Milan e ha fatto una sfuriata. La squadra ha già metabolizzato. Lui è fatto così, ricordiamoci di quando a Milano mise quasi le mani addosso a Bakayoko“.

“Tra i calciatori si avverte un pò di fastidio. Sono successe delle cose poco gradite, che stentano ad essere digerite. Non si tratta di questioni di campo, bensì che riguardano l’aspetto economico. Il Napoli non paga gli stipendi da luglio, e c’è un pò di insofferenza da parte dei calciatori. Il club, tuttavia, ha già fatto capire che li pagherà a dicembre. Gli è consentito farlo in base ai regolamenti per il Covid-19.”

“Nella società azzurra manca una figura che affianchi Giuntoli. Una persona capace ed esperta che possa rappresentare il Napoli in determinate situazioni. Se la rosa del club è progressivamente migliorata, la società non è mai cresciuta”.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy