UFFICIALE – Mertens rinnova, il Napoli annuncia: “Biennale con opzione per il terzo anno”. I dettagli

E’ stato appena ufficializzato il rinnovo più atteso in casa Napoli. Stiamo parlando ovviamente di Dries Mertens, che ha prolungato il contratto con la squadra azzurra sino al 2022, con opzione per il terzo anno. Tempo che servirà ad incrementare il suo bottino di gol, per consacrarlo recordman della storia del club partenopeo.

L’ANNUNCIO DEL NAPOLI SU MERTENS

Su Twitter e sul proprio sito ufficiale, il Napoli, ha annunciato il rinnovo del calciatore belga: “La SSC Napoli è lieta di annunciare il rinnovo contrattuale di Dries Mertens. L’attaccante ha siglato un accordo in azzurro per altre due stagioni con opzione per la terza. Questo il messaggio del Presidente De Laurentiis attraverso il profilo twitter:

“Felice di stare insieme ancora a lungo. Evviva Dries!”

Dries Mertens è stato acquistato dal Napoli nell’estate del 2013 ed è alla sua settima stagione con la maglia azzurra. 

Con il gol segnato all’Inter nella semifinale di Coppa Italia, Mertens è salito a 122 reti e ha superato Marek Hamsik diventando il leader nella speciale classifica dei migliori marcatori all-time con la maglia del Napoli.

Questo nel dettaglio lo score di Mertens per competizioni:

Serie A: 90 gol
Champions League: 16 gol
Europa League: 9 gol
Coppa Italia: 6 gol
Preliminari di Champions League: 1 gol”.

IL RINNOVO DI DRIES

Un rinnovo per altri due anni a Napoli con la maglia azzurra. La maglia che lo ha reso un bomber implacabile, nato “per necessità”. L’infortunio di Arek Milik e lo scarso rendimento di Manolo Gabbiadini fecero sì che Sarri provasse il numero 14 come falso nueve. Da quel momento Dries ha segnato senza più fermarsi, arrivando a quota 122. Il miglior marcatore della storia del club, superando Marek Hamsik e conquistando la vetta solitaria della classifica. Il gol da record è arrivato contro l’Inter in semifinale di Coppa Italia, il gol che ha regalato l’accesso alla finale contro la Juventus. La Juventus di Maurizio Sarri, uno scherzo del destino che in tanti attendevano e forse speravano. La resa dei conti in campo: 90 minuti, in caso di pareggio saranno soltanto rigori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy