AIC, Tommasi: “FIFA e UEFA devono darci un aiuto economico, vogliamo tornare in campo anche in estate”

Damiano Tommasi, presidente dell’AIC, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Ha parlato della situazione di incertezza che vivono i calciatori, in attesa di capire se e quando si potrà fare rientro in campo. Inoltre, c’è da capire come avanzerà il tema degli ingaggi, che potrebbero essere in parte tagliati.

Tommasi
Damiano Tommas (by Getty Images)

Tommasi sul calcio italiano

Di seguito alcune delle sue dichiarazioni:

“Alcune istituzioni, come UEFA e FIFA, potrebbero mettere a disposizione dei fondi per limitare le problematiche economiche. La speranza, e sto parlando a nome dell’AIC, è di tornare in campo velocemente, magari già in estate.

Il mio timore? Prendiamo la D. Quanti giocatori, con moglie e figli, vivono anche grazie al denaro del calcio? Per loro è un rimborso-spesa fondamentale, che insieme allo stipendio principale, per intenderci quello del “primo lavoro”, permette di arrivare alla fine del mese. In ogni caso, parecchio dipenderà dai tempi dell’eventuale ripresa. E qui, onestamente, c’è ancora dell’incertezza.

Tuttavia, voglio ripeterlo: per farlo dovranno esserci le assolute garanzie. La salute e la sicurezza delle famiglie sono al primissimo posto, quando non ci sarà più alcun pericolo torneremo a pensare agli allenamenti e alla ripresa dei match ufficiali.”

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy