Serie A in chiaro, Spadafora: “Siamo a buon punto per trovare l’accordo”

Vincenzo Spadafora, ministro per le politiche giovanili e lo sport, è tornato sulla questione delle partite di Serie A in chiaro nel corso di una diretta Facebook. Ecco quanto dichiarato: Siamo a buon punto nel trovare un accordo importante che venga incontro a tutti. Ovviamente non su tutte le partite. Non è facile. Sky detiene i diritti, le partite in chiaro non sono mai state assegnate di fatto a nessuno, poi c’è la Rai, Mediaset a Dazn. Insomma, è una sfida complessa ma ci stiamo riuscendo”.

Spadafora: “Nuovo controllo il 25 giugno per gli sport di contatto”

Spadafora diritti tv
Spadafora diritti tv (Photo by Getty Images)

“Il ministero della Salute ci ha chiesto di verificare il 25 giugno come sarà la curva epidemiologica, alla luce di tutte queste riaperture, anche quella dei confini con l’arrivo di turisti stranieri e altro – spiega Spadafora -. Mi rendo conto che i campi di calcetto e altre attività rischiano tantissimo di non riaprire. Dovremo prorogare l’indennità dei lavoratori sportivi che non sono in grado di poter lavorare nei medi di giugno a causa di questo nostro provvedimento. L’esempio della Serie A che ha ripreso non è pertinente, la Figc ha adottato un protocollo estremamente rigido, che mette di fatto in isolamento tutta la squadra, cosa che non si può fare in una partita amatoriale di calcetto o di calcio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy