La Serie A pensa al futuro: pronto il piano B in caso di mancata ripresa. Resta viva anche l’opzione settembre

La Seria A non vuole farsi trovare impreparata in vista dei possibili prossimi sviluppi. Il primo obiettivo resta quello di portare a termine la stagione. Un obiettivo complessa che dipende da numerose variabili, su tutte la tutela della tutela della salute degli atleti e non solo. Ma cosa fare in caso di stagione finita? La FIGC è pronta a scrivere i dettagli di un piano B nel prossimo Consiglio Federale, in programma l’8 maggio. Ciò che sembra sicuro è la garanzia delle promozioni e delle retrocessioni. Magari, come riferisce il Corriere dello Sport, riducendo a 2 il numero di squadre che dovrebbero passare dalla A in Serie B e viceversa.

Nodo Scudetto

Juventus, il piano della Serie A

Diversa, invece la questione Scudetto che, come riferisce il quotidiano, potrebbe non essere assegnato anche perchè la Juventus ha fatto sapere che così non è interessata. Anche se prima l’Olanda ed adesso la Francia potrebbero creare un precedente. Entrambi i campionati hanno subito il definitivo stop ma in entrambi i casi il titolo è stato assegnato.

Speranze di ripresa in Serie A

Serie A, il piano

Un piano che potrebbe essere attuato solo in caso di mancata ripresa ma l’ultima parola non è stata ancora detta. Il quotidiano ha, infatti, ricordato che tra le intenzioni della FIGC c’è anche quella di ripartire a settembre. Questo, però, ad una sola condizione ovvero che la UEFA decida di spostare la deadline attualmente fissata al 2 di agosto. Una prospettiva che potrebbe passare in primo piano nel caso in cui dovesse crescere il numero di campionati costretti allo stop definitivo.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy