La Serie A pronta a ripartire: si concluderà il 30 giugno. Tutto dipenderà da Euro2020, la bozza del programma

La Serie A ripartirà, in un modo o nell’altro. Quando l’emergenza sanitaria data dal coronavirus finalmente rientrerà, si recupererà la normalità e il campionato italiano, insieme a tanti altri, tornerà a svolgersi più o meno regolarmente.

Serie A nuovo programma
(Getty Images)

Lo ha annunciato La Lega con un comunicato e si aprono diversi scenari a riguardo. Secondo quanto riferisce La Gazzetta dello Sport, condizione necessaria per riavvolgere il nastro sarà posticipare e quindi rinviare Euro2020 al 2021. Una decisione che dovrà arrivare necessariamente, poiché la competizione, in programma per luglio, è itinerante. Coinvolge diverse nazioni del Vecchio Continente, le quali avranno tempi di guarigione dal virus differenti. La richiesta del rinvio è stata avanzata già dall’Italia, ma si sono uniti anche le altre leghe europee.

Il futuro della Serie A dopo il coronavirus

In attesa di una risposta definitiva per capire cosa accadrà con l’avvento dell’estate, una prima bozza di calendario già c’è. La Serie A si sta organizzando per concentrare la conclusione del torneo in due mesi: dal 2 maggio al 30 giugno. Il mese di aprile servirà per recuperare la condizione, soprattutto perché la maggior parte delle squadre ha sospeso gli allenamenti o è in quarantena.

Qualora fosse impossibile giungere alla conclusione della stagione, si guarderà alla classifica attuale, decidendo soltanto se assegnare o meno il titolo. Non ci sarebbero retrocessioni e salirebbero due squadre dalla Serie B. La Serie A, quindi, diverrebbe per un solo anno a 22 squadre.

Lunedì si conoscerà la decisione in merito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy