San Raffaele di Milano, Zangrillo: “Il coronavirus clinicamente non esiste più”

Coronavirus Italia | Alberto Zangrillo, primario dell’ospedale San Raffaele di Milano di cui dirige la terapia intensiva, è intervenuto ai microfoni di Rai 3. Nel corso della trasmissione “Mezz’ora in più”, il ricercatore ha affermato senza mezzi termini:

Il coronavirus clinicamente non esiste più. Oggi è il 31 maggio e circa un mese fa sentivamo epidemiologi temere per la fine del mese e inizio giugno una nuova ondata e chissà quanti posti di terapia intensiva da occupare. In realtà il virus dal punto di vista clinico non esiste più. Questo lo dice l’università Vita e Salute San Raffaele, lo dice uno studio fatto dal virologo direttore dell’Istituto di virologia, il professore Clementi, lo dice il professor Silvestri della Emory University di Atlanta”.

Zangrillo sorprende: “Il coronavirus non esiste più”



“Lo dico consapevole del dramma che hanno vissuto i pazienti che non ce l’hanno fatta. Il virus dal punto di vista clinico non esiste più. Ci metto la firma. Terrorizzare il Paese è qualcosa di cui qualcuno si deve prendere la responsabilità”.

LEGGI ANCHE —> IL BOLLETTINO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE

Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, ha espresso un pensiero simile a quello di Zangrillo ai microfoni Ansa. Ecco quanto dichiarato all’agenzia di informazione: “Un secondo contagio potrebbe ora essere diverso: la potenza di fuoco che aveva tale virus due mesi fa non è la stessa potenza di fuoco che ha oggi. È evidente che oggi la malattia Covid-19 è diversa: la presentazione clinica e il decorso sono infatti molto più lievi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy