Sampdoria, Ferrero: “Voglio concludere il campionato ma dopo aver sconfitto il Coronavirus”

Il dibattito è ormai esploso tra i vertici dei club impegnati in Serie A. C’è chi, da un lato, considera la possibilità di ripartire come remota e pericolosa. C’è, poi, che invece ha tutta la voglia di tornare a giocare. Ma soprattutto c’è chi ha più di un interesse in gioco. Una situazione che si arricchisce anche del pensiero di Massimo Ferrero. Il presidente della Sampdoria ha parlato ai microfoni di TMW Radio.

CLICCA QUI PER LEGGERE LE ULTIME SUL RITORNO AGLI ALLENAMENTI

Le parole di Ferrero

Sampdoria, Ferrero

 

“Al momento i sovrani della situazione sono i medici. Se dovesse arrivare un parere positivo dalla commissione medica, si deve riprendere. Sono per concludere il campionato. Capisco l’emozione che ci possono dare i ragazzi che vanno in campo ma che succede se, durante il campionato, un calciatore si ammala? O mandiamo in quarantena tutta la squadra o lo consideriamo come un un infortunio normale. Ci troviamo davanti ad un nemico invisibile. Stiamo parlando di un campionato da giocare di sera col nemico ancora dentro casa e senza pubblico. Io voglio finire il campionato ma tutelando i miei calciatori e gli altri club. Voglio fare anche da cavia per il vaccino pur di riprendere. L’importante sarà sconfiggere il Coronavirus. Precauzioni durante gli allenamenti? Ma di cosa parliamo. Per me è follia.

Porte chiuse?  La cosa più bella di una partita sono i tifosi, giocare senza è inutile. Si deve ripartire con garanzie. Dobbiamo giocare in sicurezza e fino a che non ci sarà un vaccino, il mondo sarà terrorizzato. Adesso i miei calciatori stanno tutti bene”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy