Passato, Presente e Futuro – Mertens uomo dei record: attenzione al rinnovo

La rubrica, a cura di CalcioNapoli1926.it, Passato, Presente e Futuro si occupa di analizzare il percorso di tutti i calciatori del Napoli. Da dove arrivano fino al loro possibile futuro senza dimenticare il momento che stanno vivendo. Il protagonista di questa prima giornata è l’attaccante Dries Mertens.

Passato

Mertens

 

L’attaccante Dries Mertens dopo le giovanili riesce nel suo intento e debutta nella massima divisione olandese con la maglia dell’Utrecht. Già nella sua prima stagione conquista tutti e vince il premio come miglior calciatore della squadra. Nell’estate del 2011 si trasferisce al PSV e si mette subito in mostra con un gol realizzato nel match di debutto. Con la squadra olandese gioca anche la sua prima sfida di Europa League segnando anche il gol vittoria. Un palcoscenico per il belga che finisce nel mirino del Napoli di Aurelio De Laurentiis. Il club partenopeo ne acquista il cartellino, per 9 milioni e mezzo di euro, nel 2013 con Benitez a guida della panchina. L’attaccante è subito una rivelazione per la società e per i tifosi. Grazie alla sua grinta ed alla sua velocità riesce a generare il caos nelle difese avversarie. Nella sua esperienza in azzurro, però, è l’addio di Gonzalo Higuain che si rivela il punto di svolta.

Presente

Mertens

Higuain dice addio, Milik è chiamato a sostituirlo ma, dopo pochi match, si infortuna ed è costretto a restare fuori dai giochi per un periodo molto lungo. Il tecnico Sarri si guarda intorno e scopre Dries Mertens. Il calciatore si trasforma e da esterno diventa punta. Un ruolo inedito ma in cui il calciatore si sente benissimo. Il belga guida l’attacco partenopeo e diventa una vera e propria macchina da gol. Sotto la guida di Carlo Ancelotti deve, invece, vedersela con il polacco Milik che, però, non gli impedisce di diventare l’uomo dei record. Prima eguaglia Maradona per gol realizzati poi, nel match di Champions contro il Barcellona, raggiunge anche Hamsik.

Futuro 

Mertens

Lo stop ha fermato la sua corsa. Il belga, sotto la guida di Gattuso, ha inizialmente fatto i conti con piccoli problemi e fastidi fisici. Adesso che sembrava essere tornato in grande spolvero è arrivato il Coronavirus. Nel caso in cui si dovesse ripartire, l’attaccante ha un obiettivo, ha deciso di voler superare se stesso. Ha poco tempo, però, per farlo perchè il suo contratto ha una scadenza fissata per il 2020 ed il futuro resta un rebus. Dopo una stagione burrascosa sembrava essere arrivata la pace con la società ma l’uragano è sempre dietro l’angolo.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER

di Maria Ferriero

© Riproduzione riservata

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy