CTS, bocciata la riapertura degli stadi: “Non esistono le giuste condizioni”

Nella giornata di ieri è andato in scena un nuovo ed importante incontro del CTS in perito alla possibile riapertura degli stadi italiani. Il comitato tecnico scientifico ha discusso della proposta presentata dagli organi del calcio italiano in vista del proseguo della prossima stagione calcistica. Una proposta coadiuvata dai pareri del ministro dello Sport, dalle Regioni e dalle Province autonome.

CLICCA QUI PER I CONVOCATI DI GATTUSO IN VISTA DI NAPOLI-GENOA

CTS, la decisione sulla riapertura degli stadi

ct riapertura stadi

Come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino, secondo il CTS: “Ad oggi non esistono le condizioni per ulteriori aperture al pubblico nelle manifestazioni sportive. Sulla base degli attuali indici epidemiologici non esistano al momento le condizioni per consentire negli eventi all’aperto e al chiuso, la partecipazione degli spettatori nelle modalità indicate dal documento predisposto dalla Conferenza delle Regioni e Province autonome. Resta imprescindibile assicurare la prenotazione e la preassegnazione del posto a sedere con seduta fissa, il rigoroso rispetto delle misure di distanziamento fisico di almeno 1 metro, l’igienizzazione delle mani e l’uso delle mascherine. Qualora l’evento non possa garantire le citate misure di prevenzione, i numeri indicati nel Dpcm dovranno necessariamente essere ridotti”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU FACEBOOK

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy