Pistocchi: “Il dominio della Juventus non ha fatto bene al calcio italiano, occhio alla decisione della UEFA sulla Romania”

Ancora pochi giorni e tornerà la Serie A. Ma prima ci sono le ultime partite delle Nazionali. Una questione che sta facendo molto discutere. Il giornalista Maurizio Pistocchi è intervenuto ai microfoni di Radio Marte per dire la sua sulle principali vicende calcistiche degli ultimi giorni.

Pistocchi: “Il dominio della Juventus non ha fatto bene al calcio italiano”

pistocchi

Maurizio Pistocchi, ai microfoni di Radio Marte, ha così commentato le vicende calcistiche degli ultimi giorni.

“Negli anni in cui Napoli e Milan si giocavano lo Scudetto c’erano molti stranieri ed erano i più bravi. Peraltro ci fu una bella alternanza in quegli anni, fu un periodo fortunato per il calcio, ora invece c’è stato un dominio di una sola squadra che oggettivamente è stata la più forte. Però non ha fatto il bene del campionato, anche se bisogna accettarlo. Il campionato di quest’anno sarà molto più aperto rispetto a quelli degli anni scorsi. L’Inter per esempio ha perso Kolarov, che era già infortunato ed è tornato positivo al COVID-19. Ci sono situazioni nelle quali gli allenatori si trovano impreparati: vincerà chi gestirà meglio le emergenze e chi sarà più fortuna”.

Nations League? Non interessa a nessuno. Se l’UEFA decidesse di far giocare la partita della Romania sarebbe un bel problema per la FIGC e la Lega. Si tratterebbe di una cosa completamente in controtendenza con quanto avvenuto per Juventus-Napoli. La sentenza di Sandulli ha fatto molto discutere, ci sono accuse che per il momento non sono documentate e quindi rimangono discutibili. Milan? Pioli ha messo a posto la difesa, squadra conservativa più di quanto si possa pensare. Il Napoli invece è una squadra più sorprendente dal punto di vista dell’atteggiamento: va a giocare con 5-6 giocatori offensivi e di qualità. Sarà una bella partita e molto dipenderà dalle condizioni fisiche dei giocatori e dalla gestione degli allenatori. La gara sarà equilibrata. Zielinski o Elmas alle spalle di Mertens? Sono due giocatori molto forti, di grande abilità. Zielinski ha giocato poco contro l’Italia, avrà una condizione migliore. Elmas non so come stia. Forse Zielinski ha qualcosa in più nella rifinitura dell’azione. Prenderei lui per la sua maggior attitudine”.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy