Peppe Iodice rievoca il vecchio Napoli: “Sarri, vai in sogno ad Ancelotti” | VIDEO

Napoli | Il comico partenopeo Peppe Iodice si lascia andare ad un simpaticissimo monologo in napoletano per raccontare il momento della formazione azzurra. Ecco la sua apparizione a Canale 21:

“Ho bisogno di un attimo di raccoglimento. Anim e chillu Maurizio Sarri, anim e chillu Maurizio bell. Vai in sonno ad Ancelotti, miett’c e cervell. Sta facenn cos che non tengo proprio idea… Ha messo Zielinski a centrocampo, centrale che non ci è mai andato. Non va neanche alla stazione centrale per prendere il treno, va ad Afragola. Ha messo Maksimovic sulla fascia, quello neanche quando stava in fascia andava sulla fascia… Anim e chillu Jorginho, da quando te ne sei andato tu là in mezzo ci sta un fosso. E a noi ci stanno atterrando. Anim e chillu Albiol, non ti abbiamo mai apprezzato, perdonaci! Per noi eri una chiavica, ora sei il migliore del mondo. Vai nel sonno a Manolas, quello non sa che deve fare. Anim e chill Hamsik, Marek torn ‘ccà. Tu non tenevi personalità? Azz, e questi che so’?! Mo mi faccio crescere la cresta io”.

Peppe Iodice e il momento a Napoli

“Non ce la facciamo più, ma qual è il finale? Non stiamo capendo niente, la gente ha i tic. Stanno venendo i toc, la gente si va a fare le tac. Ieri ho sentito il vuoto, sembrava una partita a porte chiuse. L’indifferenza! Dopo l’indifferenza sta solo che v’anna schifà. Devono fare presto, dobbiamo muoverci a risolvere la situazione. Ancelotti ha deciso il ritiro, solo che adesso loro hanno deciso il ritiro e si è ammutinato De Laurentiis… Il presidente ha detto: ‘Mo non vi apro’ Starà là dentro lui e il figlio. E intanto tutti i calciatori stanno là giù a citofonare. Mezz’ora, poi suona Luperto. A un certo punto Ospina, gli hanno detto ‘ il cancello è elettrico, entra’. Lozano prova: ‘Siamo qui per il ritiro’, De Laurentiis risponde: ‘E’ già venuto il postino per il ritiro’. La situazione è complicatissima, c’erano pure i bambini delle scuole. Ancelotti si voleva dimettere, il presidente ha detto che non si tocca. Il primo a mettere le mani addosso deve essere lui. Questa è l’occasione: è la settimana dell’albero, quella dell’8 dicembre. E’ l’occasione per cacciare le pa**e.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy