Dott. Pecci: “Perplesso sui calciatori in campo subito dopo il coronavirus, vi spiego perché”

Claudio Pecci, ex medico dell’Italia di ciclismo e direttore sanitario del centro ricerche Mapei Sport, a La Gazzetta dello Sport ha parlato dell’abitudine di far scendere i calciatori subito in campo, una volta guariti dalla positività al coronavirus:

Dal punto di vista medico sono tutti pronti ma sono perplesso che lo siano da quello fisico. Molto dipende da cosa fanno in isolamento, ma anche dal ruolo. Un portiere è pronto prima degli altri. Essere pronti significa non passare solo l’idoneità sportiva. Ma anche altri test come quelli che riguardano il sistema respiratorio e cardiocircolatorio. In ogni caso vanno fatte sempre valutazioni individuali, perché ogni calciatore ha una struttura fisica e metabolica diversa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy