UFFICIALE – Il Parma rinuncia ad una mensilità: raggiunto l’accordo con i tesserati. Il comunicato

Lo stato attuale dell’emergenza costringe il calcio a fare i conti con numerosi problemi. Non solo di tipo organizzativo. A soffrire lo stop forzato è anche l’aspetto economico con mancati guadagni da parte di sponsorizzazioni, diritti tv e botteghino. Una situazione che costringe i club a trovare delle soluzioni. Tra queste c’è il taglio degli stipendi di cui i club stanno discutendo con i propri tesserati. Dopo la decisione della Juventus, oggi arriva anche quella del Parma. La società, tramite il proprio portale online, ha comunicato l’accordo raggiunto con i propri tesserati. I membri dello staff hanno deciso di rinunciare a tutta la mensilità di aprile.

LA SERIE A RIPARTE? CLICCA QUI PER LE PAROLE DI GRAVINA

Il comunicato

Parma, il comunicato

Parma Calcio 1913 comunica di aver ricevuto da parte dei propri tesserati l’unanime disponibilità alla riduzione dell’emolumento annuo alla luce dell’emergenza sanitaria. L’integrazione degli accordi individuali relativi, che non riguarderanno i tesserati del Settore Giovanile, verranno perfezionati non appena possibile.

Il Parma Calcio 1913 desidera ringraziare tutti i propri tesserati per il senso di responsabilità dimostrato nella difficoltà del momento, che richiede buon senso e spirito costruttivo da parte di tutte le componenti aziendali.

In questo ambito si colloca anche il progetto di “Banca Ore” solidale, attivato nelle settimane scorse e che vede la possibilità per tutti i dipendenti non tesserati di donare ai colleghi ore di ferie e permessi, in modo da gestire a rotazione un piano ferie che sta permettendo all’azienda di non usufruire ad oggi degli ammortizzatori sociali.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy