Padovan: “Gattuso ha cambiato troppo, giocatori confusi. Ieri partita difensiva”

L’opinionista di Sky Sport, Giancarlo Padovan, ha rilasciato alcune dichiarazioni quest’oggi a Radio Punto Nuovo su alcuni temi attuali in casa azzurra

L’opinionista di Sky Sport, Giancarlo Padovan, ha rilasciato alcune dichiarazioni quest’oggi a Radio Punto Nuovo su alcuni temi attuali in casa azzurra.

CLICCA QUI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO SUL NAPOLI

Le parole su Padovan

“Il Napoli non è più ambizioso? Deve tornare ad essere martello. Così si va poco lontani in Coppa anche se io credo che lo 0-0 tra i risultati peggiori è quello migliori. Ti basta sostanzialmente fare un gol fuori. Io credo che il Napoli abbia messo uno contro uno, ma così si è snaturato. Il Napoli ha tirato pochissimo poi. La partita resta aperta, ma se ieri c’era una squadra che meritava di vincere era l’Atalanta. Forse questo può essere una speranza, non chiudendo la partita ieri. E può darsi che la conceda al ritorno. Non dimentichiamoci che l’Atalanta è una squadra abituata a giocare ogni tre giorni. Credo che il Napoli sia ambizioso. Il patto tra i giocatori e allenatore c’è, in questo momento questo può dare, ma è un po’ allarmante. Non è una partita straordinaria, è assolutamente ordinaria. Non è un ridimensionamento, ma una fase della stagione direi complicata per il Napoli”.

Gennaro Gattuso (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Modulo

“3-4-3? Credo che Gattuso avesse paura di prendere gol e che se la sarebbe giocata al ritorno. Avrebbe dovuto dirlo? Sarebbe stato onesto, ma sarebbe stata impegnativa come affermazione. Sarebbero scaturite altre polemiche. Anti-calcio? Forse è troppo, ma di certo non è stata una partita per vincere. È stata una partita per non subire gol. Questo avrebbe avuto la conferma che Gattuso è un allenatore da primo non prenderle e ha detto che hanno fatto una buona partita difensiva, ma in Coppa Italia all’andata non puoi essere soddisfatto. Tolte certezze ai calciatori dal punto di vista tattico? Sì. Non so se De Laurentiis sia un uomo di grande programmazione o un uomo che vive di grandi slanci. Lui prese Ancelotti. Slancio, ma non programmazione. Non ha aspettato che facesse bene. Forse Ancelotti era imborghesito, ma lui non lo ha aspettato. Se mi dite che penso che lo sostituisca, penso di no. Non penso che De Laurentiis stia pensando all’anno prossimo. Non credo che Gattuso resterà a Napoli l’anno prossimo, a meno che non vinca lo scudetto, anzi forse partirebbe lo stesso. Quello che ha detto è troppo divisivo. Il presidente non ha aiutato Gattuso, ma nemmeno Gattuso ha aiutato la squadra. Sta cambiando troppo. Mi viene il sospetto voglia continuare con il 3-4-3 e devo dire atterrisco al solo pensiero”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy