Montesarchio: “Perché fermare la Serie A? Giusto giocare a porte chiuse”

Vincenzo Montesarchio, direttore UOC Oncologia Generale, AORN dei Colli, è intervenuto oggi ai microfoni di Radio Punto Nuovo. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli1926.it:

“A Napoli con l’azienda dei Colli, abbiamo trattato due pazienti con farmaci che non curano il Coronavirus, ma la polmonite. Il farmaco utilizzato è il Tocilizumab utilizzata per l’artrite reumatoide. Uno dei pazienti è andato molto bene, domani si tenterà di stubarlo, l’altro è stazionario: è un farmaco che funziona entro 24-48 ore”.

Montesarchio: “Giochiamo a porte chiuse, ma non fermiamo il calcio”

PARMA, ITALY – DECEMBER 22: Mario Balotelli of Brescia Calcio reacts during the Serie A match between Parma Calcio and Brescia Calcio at Stadio Ennio Tardini on December 22, 2019 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

“Serie A? Ragionando da chi si occupa di malattie infettive, se le persone non devono assemblarsi in ristoranti, pub, bar, come faccio poi a sostenere che migliaia di persone possano assembrarsi allo stadio? Per ora è giusto giocare a porte chiuse, perché fermare il calcio? I calciatori rischiano ciò che rischiano i cittadini, ovviamente l’intelligenza sta nel farsi controllare. E’ chiaro che si possono evitare cose come baci e abbracci. Gattuso? Mi piace molto, sta tirando su le sorti del Napoli ereditandolo in condizioni psicologiche non ottimali”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy