CONI, Malagò: “Ora priorità alla salute. Partite a porte chiuse? L’abbiamo pensato, ma ci sono due problemi”

Malagò coronavirus

Campionato di Serie A praticamente bloccato a causa della diffusione del coronavirus in alcune zone d’Italia. Giovanni Malagò, presidente del CONI, ai microfoni di SKY ha analizzato il problema e le conseguenze che ha avuto e avrà sullo svolgimento delle competizioni sportive.

Di seguito le sue considerazioni: “Credo che in questo momento il mondo dello sport non debba andare per conto proprio: deve assolutamente essere allineato con le disposizioni delle autorità preposte. In primis il governo. Ci siamo adeguati al decreto, ma anche convinti che la disposizione sia quella più giusta. Se abbiamo pensato di anticipare le mosse del governo, come far giocare a porte chiuse? Era una delle ipotesi sul tavolo, ma sarebbe stato sbagliato e inelegante se si fossero anticipate le mosse del governo. Parliamo di tante manifestazioni sportive, non solo di calcio”.

Giocare a porte chiuse: risponde Malagò

È stata presa in considerazione dal Governo, però ci sono due problemi: da un lato i biglietti già venduti con le società che si dovrebbero far carico dell’aspetto economico, dall’altro se si decide nel giro di poche ore di giocare a porte chiuse, con la gente che magari ha già comprato i biglietti ed è diretta allo stadio, potrebbe esserci un problema di ordine pubblico. Ci sono forze di polizia impegnate da altre parti, bisogna fare anche queste valutazioni”.

coronavirus, le ultime

Le priorità

“Sento tanti che si espongono su questa materia, ma l’interesse della salute è primario. Si naviga quasi a vista, day by day, e non sono io che posso darvi risposte. Non ci sono certezze: l’obiettivo, ovviamente, è di ripartire al più presto. Ci sono diverse problematiche, come quella dei calendari, ma oggi sono in secondo piano. I calendari non sono regolati dal sottoscritto, ma si incastrano con tutte le altre competizioni, come quelle internazionali. L’Inter, ad esempio, ora ha l’Europa League, poi avrà la Coppa Italia col Napoli. Ne ho parlato con Marotta ieri sera, con cui l’ultima telefonata è stata alle due e mezza di notte. Si naviga a vista. I nerazzurri non avrebbero più un mercoledì o giovedì libero fino all’eventuale finale di Coppa Italia che, inoltre, è stata anticipata per Euro 2020. I calciatori si devono incontrare un po’ prima con Mancini. Oggi non si possono dare risposte. Dobbiamo riaggiornarci”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy