Juventus in difficoltà, dura reazione dei senatori nello spogliatoio dopo la sconfitta

L’edizione odierna di Tuttosport riferisce in merito alla disfatta della Juventus contro il Napoli. I bianconeri di Sarri, infatti, hanno perso la seconda finale stagionale ed ora qualcosa inizia a scricchiolare. Il quotidiano, oggi in edicola, riferisce lo stato d’animo dello spogliatoio dopo la sconfitta in Coppa Italia.

Juventus, lo stato d’animo dello spogliatoio dopo la sconfitta

Juve

“E la squadra? Cosa si dice nello spogliatoio dopo la sconfitta di mercoledì. I senatori sono molto duri, perfettamente consapevoli che qualcosa non sta girando nel modo giusto e cercano di aiutare Sarri in tutti i modi. E’ urgente ricompattare la squadra, perché al netto di qualsiasi considerazione tattica, tecnica e atletica, la differenza fra il Napoli e la Juventus, sul prato dell’Olimpico, era la motivazione, la convinzione e lo spirito che Rino Gattuso è riuscito a infondere nella sua squadra. Lo stesso spirito che spesso, nel corso degli ultimi dieci anni di Juventus, ha spesso risolto le partite che non si riuscivano a risolvere in altro modo. La reazione della squadra sarà fondamentale nelle prossime due settimane, in cui i bianconeri torneranno a lottare per il nono scudetto consecutivo”.

Sarri sotto accusa

Maurizio Sarri sotto accusa. L’allenatore della Juve, infatti, ha perso con la sua squadra la finale di Coppa Italia contro il Napoli di Gattuso. I rigori hanno consegnato la vittoria agli azzurri con il rigore decisivo di Arek Milik, centravanti accostato proprio ai bianconeri. Una prestazione fiacca dei suoi con pochi squilli. I partenopei hanno dato la sensazione di essere più pericolosi e compatti per tutto il corso del match.

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport scrive: “Deprimente per com’è lenta, senz’anima e impalpabile in attacco. Sarri e CR7 non fanno la differenza: 2 finali su 2 perse”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy