Juventus, Rugani: “Il peggio è passato. Primi sintomi dopo la gara con l’Inter”

Daniele Rugani, difensore della Juventus, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per parlare del Coronavirus e della sua (brutta) esperienza. Il centrale italiano ha raccontato l’evolversi della malattia, dai primi sintomi sino al ritorno agli allenamenti in questi giorni.

LE PAROLE DI DANIELE RUGANI

Juventus Rugani
 

Queste le parole di Daniele Rugani, il primo giocatore in Serie A ad aver sofferto il Coronavirus: “Il peggio è passato. Adesso sto molto bene e di buon umore. E’ stato un mese particolare, l’importante però è che tutto sia andato bene. Nel male mi ritengo fortunato ad avere il virus in una forma lieve con sintomi leggeri. Due giorni dopo la partita con l’Inter mi è salita la temperatura corporea dopo l’allenamento, mi sono sentito strano e avevo più caldo del normale. A casa ho sentito che la febbre saliva e per sicurezza ho deciso di andare in ritorno alla Continassa: il giorno dopo era già passata”. Anche Michela Persico, compagna del difensore bianconero, ha contratto il Virus: “La prima cosa che abbiamo provato è stata la paura. Ci siamo spaventati, ma i dottori ci hanno tranquillizzati, la malattia non aveva conseguenze sulla gravidanza che ci ha aiutato tantissimo in quei 35 giorni di lontananza”.

LA POSSIBILE RIPARTENZA

“La Bundesliga l‘ho vista a spezzoni. E’ strano vedere stadi vuoti, giocatori in panchina separati con le mascherine. Ma giustamente occorre fare il massimo per tornare in campo con la massima sicurezza possibile. Sono misure che vanno accettate, anche se strane. Attendiamo che il Governo faccia del proprio meglio per mandarci in campo in sicurezza. Quest’anno speravo di giocare di più, ma il mister fa le sue scelte, io penso a lavorare nel modo migliore per far bene quando vengo chiamato in causa: è la mia filosofia e continuerò a fare così”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy