Juventus, Agnelli scrive all’Eca: “Siamo a lavoro per poter riprendere a giocare”

Il mondo sta vivendo una vera e propria emergenza sanitaria con i casi di Coronavirus che continuano ad aumentare. Una situazione che ha investito anche il mondo dello sport e del calcio. Tutto in questo momento è fermo e la ripresa sembrerebbe essere ancora particolarmente difficile e lontana. A tal proposito il patron della Juventus, Andrea Agnelli, avrebbe scritto una lettera ai membri dell’Eca, di cui è presidente.

Il contenuto

Juventus, Agnelli

Di seguito le parole di Agnelli all’Eca (European Club Association) riportate dal portale online della Gazzetta dello Sport.

Il Coronavirus una minaccia esistenziale per i club di calcio europei. Siamo tutti dirigenti responsabili del benessere e della sostenibilità dei club che gestiamo e che devono affrontare una vera minaccia esistenziale. Dato che il calcio è ormai fermo, lo sono anche i nostri flussi di entrate da cui dipendiamo per pagare i nostri giocatori, il personale e altri costi operativi. Nessuno è immune e il tempismo è essenziale. Mettere fine alle nostre preoccupazioni sarà la più grande sfida che il nostro gioco e il sistema calcio abbiano mai affrontato. Le discussioni sono molto attive su quale dovrebbe essere l’approccio alla licenza UEFA e al Fair Play Finanziario alla luce della crisi attuale. Siamo a lavoro per riprendere a giocare a calcio a livello nazionale ed europeo e per aiutare a gestire le finanze dei club in questo periodo di crisi sociale ed economica”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy