Italia, Mancini: “Dispiace per la situazione, ma recupereremo in estate”

Roberto Mancini, commissario tecnico della nazionale italiana, è intervenuto come ospite di RadioUno e nel corso della trasmissione ha parlato della situazione del nostro paese. Il ct ha mostrando tutto il rammarico per il rinvio di Euro 2020, competizione nella quale il mister credeva molto. Ovviamente il tema dell’intervento è la diffusione del Coronavirus: “Mi fa molto effetto vedere quello che sta accadendo, le molte persone che vengono a mancare ai propri cari, è terribile quello che sta accadendo. È un dispiacere che non si possa giocare ma se si risolve questa situazione si può anche andare a giocare anche a giugno. Ripresa allenamenti ad aprile? Non so tutte le situazioni, è un po’ difficile, i giocatori avranno bisogno di allenamento prima di ricominciare a giocare. Ci sono squadre che sono state fermate da molto tempo, ma 10-15 giorni, ma si può riprendere da situazione anomala che nessuno ha mai vissuto. Poi se si recuperano le partite saranno veramente ravvicinate”.

Mancini

Mancini sul taglio degli stipendi ai giocatori

Il taglio degli stipendi ai calciatori come risposta all’emergenza: “Non lo so. Qui bisogna vedere, il calcio si è fermato ma, a meno che non si possa ricominciare per i prossimi sei mesi e allora il discorso sarebbe diverso, i giocatori, anziché fermarsi a metà maggio, smetteranno a luglio. I mesi che non hanno giocato li recupereranno dopo. La speranza è che questo virus scompaia in fretta, poi ci vorrà un pò di tempo. Non ho idea, forse dopo si giocherà a porte chiuse. È difficile fare previsioni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy