Insigne: “Questo è il Napoli più forte in cui ho giocato. Il ritiro non è punitivo”

Alla presentazione del Calendario 2021, Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli, ha rilasciato quest’oggi alcune parole in conferenza stampa

Alla presentazione del Calendario 2021, Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli, ha rilasciato quest’oggi alcune parole in conferenza stampa.

CLICCA QUI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO SUL NAPOLI

Le parole di Insigne

“Anno giusto per il Napoli e per la Nazionale? Lo spero… ma ora per la Nazionale c’è tempo. Ora bisogna pensare al Napoli, alla prossima partita ed ai prossimi impegni. Spero per me e per tutti i miei compagni che sia l’anno giusto. Stiamo lavorando ogni giorno per eguagliare ogni obiettivo e per dare soddisfazioni ai nostri tifosi. L’espulsione? Io ci sono rimasto malissimo per l’episodio a Milano ma soprattutto per aver lasciato la mia squadra in dieci e un capitano non deve fare questo. Mi dispiace anche perché ieri il mister aveva gli uomini contati… visti gli infortuni di Mertens e Osimhen. Ora però bisogna guardare avanti e dobbiamo cercare di fare a tutti i costi i punti col Torino. Contro l’Inter non ci stava la sconfitta, poi la partita di ieri… ma dobbiamo metterci a lavorare e vincere mercoledì. Dove può arrivare questo Napoli? Sono tanti anni che sono a Napoli ed ho visto molti giocatori e ho giocato con molte rose differenti e posso affermare che quest’anno è la rosa più forte di sempre. Io sto qua da tanti anni, mi dispiace che qualche volta non facciamo risultati, ma penso che attualmente abbiamo la rosa più forte rispetto a tutti gli altri anni”.

insigne squalifica
(Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

KO e ritiro

“Le assenze si fanno sentire ma non devono diventare alibi. Penso che il risultato di ieri non era frutto dell’assenza di Insigne o Mertens. Penso che se ieri ci fossimo stati con la testa, non avremmo perso. Quella di ieri è stata partita sottotono e dispiace ma ora abbiamo questa partita di mercoledì con un Torino in difficoltà e verranno agguerriti ma dobbiamo farci trovare pronti perché siamo il Napoli. Cosa è mancato ieri al Napoli? Sicuramente c’era un po’ di stanchezza. Quando affronti queste squadre forti ogni tre giorni diventa difficile. Penso che sia stato più questo che non quello tecnico-tattico. Sono stato con loro in questi giorni e hanno preparato la partita in maniera ottima, come lo facciamo sempre col mister Gattuso. Ripeto, penso sia stato un aspetto fisico, affrontare prima l’Inter e poi la Lazio a distanza di tre giorni e per di più fuori casa. Vedendo la Lazio, non è che abbia fatto più rispetto a noi. Ha avuto due occasioni ed è stata concreta, tutto qui. Ritiro? Io penso che questo non sia un ritiro punitivo. Penso che sia un ritiro per restare concentrati e affrontare la partita col Torino nel modo migliore. Ieri ero squalificato e sono stato più male io… guardando da casa ho sofferto. La decisione del ritiro è stata fatta tutti insieme, poi avremo modo di stare con le nostre famiglie. Andiamo oggi in ritiro, ci saremmo andati domani quindi è solo un giorno in più”.

CLICCA QUI PER FOTO E VIDEO ESCLUSIVI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy