Avv. Grassani: “De Laurentiis lungimirante sulla questione allenamenti, per i contratti ho un’idea”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto l’avvocato Mattia Grassani, legale di fiducia della SSC Napoli: “Responsabilità civile e penale in caso di danni gravi a calciatori? Non siamo così catastrofici. È vero che il virus ha stroncato tante vite, ma è statisticamente meno probabile che i giovani possano passare a miglior vita. La situazione è paradossale. Io la paragono a quella di uno scalatore che deve raggiungere una meta, scala 99 montagne e manca l’ultimo picco da superare per raggiungere l’obiettivo. Quest’ultimo passo, sicuramente più importante, spetta alle autorità sanitarie e alla politica.

Il tema delle responsabilità è centrale, ma mi è difficile pensare che un Presidente del Consiglio e il Ministro dello Sport possanno essere soggetti a procedimenti civili, penali o risarcitori. Il tema è delicato, ma la respondabilità ricade sulle società che organizzano le attività di lavoro”.

Grassani sulle procedure del Napoli

Legale Napoli Grassani
Legale Napoli

“Se credo che De Laurentiis abbia proposto le soluzioni più condivisibili? Questa discriminazione presente ne decreto tra l’allenamento al parco e in una struttura societaria, assolve a ragioni che non comprendo. De Laurentiis ha centrato il problema e credo che abbia assunto la posizione più lungimirante, propositiva e attinente alla realtà. Se 10 calciatori si vedono al parco, osservendo tutte le precauzioni ma senza lo staff, quali rischi minori incorrerebbero rispetto al farlo in una struttura sportiva?”.

La scadenza dei contratti

Oggetto di discussione in queste settimane, con la stagione sportiva sospesa, è stata la durata dei contratti. Di seguito le parole conclusive di Grassani: “Se il calcio potrà riprendere, deve ancora completare tutti i tasselli per poterlo fare. Quello dei contratti è uno di essi. La parte normativa necessita di un ulteriore step. C’è stato un passaggio epocale prolungando la stagione, ma non è ancora il provvedimento finale. I contratti e i tesseramenti hanno ancora scadenza al 30 giugno. Io dico che la soluzione non sia difficile: basterebbe prolungare i contratti esattamente del tempo in cui nessun atleta e nessun tecnico ha svolto l’attività professionale. Sarebbe un sufficiente provvedimento molto facile da raggiungere mediante un protocollo condiviso da federazione, leghe e associazioni di categoria”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI ANCHE SU TWITTER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy