Mercato in uscita, Giuntoli al lavoro: il Napoli non vuole cedere in prestito. Le ultime

Il Napoli continua a lavorare sul mercato e, in vista della chiusura della sessione di scambi il 5 ottobre, sta cercando di definire le situazioni in uscita. Una condizione che risulta necessaria per l’acquisto di altri elementi, nonché per rinvigorire un bilancio affossato dalle conseguenze economiche della Pandemia. Sono tanti i calciatori che, non rientrando nei piani di Gattuso, non troverebbero spazio durante l’arco della stagione. Cristiano Giuntoli, ds azzurro, dovrà cercare di piazzare questi esuberi, ma alle condizioni del Napoli, cioè non in prestito secco.

Giuntoli lavora sulle cessioni. Il Napoli non vuole cedere in prestito

Giuntoli in conferenza
Cristiano Giuntoli (Foto CN1926)

La situazione del mercato in casa Napoli non è grave, ma quantomeno seria. Infatti, dopo quasi un mese di calciomercato, la rosa a disposizione di Gattuso annovera ancora tra le sue fila alcuni calciatori che sono fuori dal progetto azzurro. In particolare, Giuntoli dovrà cercare di piazzare quanto prima una decina di calciatori. L’edizione odierna de Il Corriere dello Sport ha fatto il punto della situazione sulla vicenda:

“Da Koulibaly a Milik, da Maksimovic a Ghoulam, da Ciciretti a Machach, da Malcuit a Tutino, da Ounas a Younes. Buona parte di questi calciatori andrà ceduta. Solo il senegalese porterebbe 80 milioni. Ghoulam ha un contratto monstre, altri invece guadagnano cifre più accessibili, e duqnue sono più appetibili sul mercato. Younes e Ounas rientrano tra questi. Giuntoli sta ascoltando tutte le offerte ma, al momento, tutti hanno richiesto i giocatori con la formula del prestito. Il Napoli non vuole cedere, finché può resisterà. Nei prossimi tredici giorni potranno succedere tante cose”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy