Passato, Presente e Futuro – Lobotka è un talento ancora da scoprire: obiettivo prossima stagione

La rubrica, a cura di CalcioNapoli1926.it, Passato, Presente e Futuro si occupa di analizzare il percorso di tutti i calciatori del Napoli. Da dove arrivano fino al loro possibile futuro senza dimenticare il momento che stanno vivendo. Il protagonista di questa prima giornata è il centrocampista Stanislav Lobotka.

Passato

Lobotka Napoli

Le prime esperienze con il calcio professionistico, Lobotka le vive con la maglia del Trencin. Con la squadra slovacca fa il suo debutto nella massima serie. Un posto da titolare che si conquista con ottime prestazioni. Fa parlare bene del suo gioco anche in Olanda quando finisce in prestito, per una stagione, nella squadra B dell’Ajax. La stagione successiva torna al Trencin vincendo prima la Coppa e poi il Campionato 2015. L’anno dopo si ritrova in Danimarca con la maglia del Nordsjaelland. Anche in questa nuova realtà calcistica riesce ad imporsi. E’ un titolare inamovibile tanto da saltare solamente 3 partite in tutta la stagione. Nel 2017, poi, arriva l’occasione spagnola con il Celta Vigo dove vive per ben due stagioni e mezzo. Un bottino totale pari a 90 presenze senza, però, riuscire a segnare alcun gol.

Presente

Lobotka

Lobotka, nel 2020, realizza il suo sogno ovvero giocare nella squadra del suo connazionale ed amico Marek Hamsik. Nel mese di gennaio, nella sessione invernale di calciomercato, Giuntoli acquista il cartellino dello slovacco per una cifra pari a 20 milioni di euro più bonus. Una firma arrivata dopo un anno circa di trattative. Il ds partenopeo ci aveva provato già la stagione precedente. L’offerta partenopea, però, non aveva convinto la dirigenza del club spagnolo. Lo slovacco ha così trovato il tecnico Gattuso ed ha collezionato le sue prime 5 presenze in Serie A.

Futuro

Lobotka

Un magro bottino se si pensa, invece, al percorso fatto da Demme, arrivato nella stessa finestra di calciomercato. Una situazione probabilmente legata allo stato di forma del calciatore non al meglio in quanto arrivato dopo tre settimane di stop, lontano dal campo di gioco. Lo stop per l’emergenza Coronavirus non aiuta sicuramente il calciatore che sarà une pedina importante da scoprire nella prossima stagione.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER

di Maria Ferriero

© Riproduzione riservata

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy