Fiorentina, Commisso: “La legge arbitrale deve essere uguale per tutti. Scriverò ai vertici del calcio italiano”

Dopo la sconfitta della sua Fiorentina contro la Juventus, il patron Rocco Commisso si era soffermato sul comportamento degli arbitri. Un pensiero che, in questi ultimi mesi, non è per nulla cambiato, anzi. Il presidente della viola è tornato sull’argomento e di seguito quanto messo in evidenza dal portale online della Gazzetta dello Sport.

CLICCA QUI PER LA RIVELAZIONE DI COMMISSO SU CHIESA

Fiorentina, Commisso contro gli arbitri

Fiorentina Commisso arbitri
Commisso (Getty Images)

“Dal punto di vista sportivo bene la salvezza aritmetica anticipata e la fine del campionato in crescita piazzandoci nella parte sinistra della classifica. Spero di poter tornare presto in Italia, magari già a settembre.

Polemica arbitrale? La legge sugli arbitri deve essere uguale per tutti. Tutti devono essere trattati allo stesso modo. Una cosa che non ho visto. Noi andiamo avanti. Il calcio italiano deve andare avanti nel miglior modo possibile. Faremo delle raccomandazioni pubbliche per far sì che il calcio italiano vada avanti. Questo è importantissimo soprattutto quando vediamo che la televisione qui in America parla male del calcio italiano. Si chiedono come mai tutti questi rigori? Come mai ogni tanto si va a vedere il Var ed altre volte no? A mente fredda, nei prossimi giorni, scriveremo ai vertici, a Gravina, a Nicchi. A tutti coloro che sono responsabili del settore”.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SUI SOCIAL

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy