FIFA, Infantino: “Il mio cuore italiano è lacerato, il tempo del calcio tornerà”

Gianni Infantino, presidente della FIFA, ha indirizzato una lettera all’Italia, uno dei paesi più colpiti dall’emergenza sanitaria da coronavirus. Il numero uno della federazione ha affidato all’Ansa le sue parole:

“Il mio cuore italiano è lacerato dalle immagini di sofferenza terribile che descrivono i lutti che stanno colpendo le famiglie del nostro Paese. Oggi, dobbiamo pensare a portare sollievo a chi soffre, dobbiamo seguire le regole che ci dicono le autorità scientifiche. Tornerà il tempo del calcio e quando tornerà, festeggeremo insieme l’uscita da un incubo”.

SEGUICI SU INSTAGRAM PER FOTO E VIDEO ESCLUSIVI!

ROME, ITALY – DECEMBER 19: (L-R) The former player Dino Zoff shakes the hands with the FIFA President Gianni Infantino attend the Italian Olympic Committee ‘Collari D’Oro’ Awards at Foro Italico on December 19, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Chi è Gianni Infantino

Nato in Svizzera nel 1970 da genitori provenienti dall’Italia (padre originario di Reggio Calabria, madre del Bresciano), possiede la cittadinanza di entrambi i Paesi. I suoi genitori vissero a Domodossola prima di trasferirsi oltre confine a Briga per lavoro.

Da calciatore Infantino raggiunse come massimo livello la quarta lega, ovvero la penultima divisione del sistema calcistico svizzero; simpatizzante delle compagini italiane dell’Inter e della Reggina, tutta la sua carriera si è svolta nel campo della giurisprudenza dello sport. Divenuto infatti avvocato e specializzatosi in diritto sportivo, tra i primi incarichi assunti fu segretario del Centro Internazionale Studi Sportivi all’Università di Neuchâtel. Nel 2000 entrò nell’UEFA, della cui divisione affari legali e licenze per club divenne direttore nel 2004; tre anni dopo divenne vice segretario generale di tale organizzazione, e segretario nel 2009.

Per conto dell’UEFA negli anni ha anche gestito i rapporti con entità politiche come la Commissione europea e il Consiglio europeo. È considerato molto vicino a Platini, di cui è stato stretto collaboratore. È noto per essere stato il presentatore dei sorteggi delle maggiori competizioni UEFA (UEFA Champions League, UEFA Europa League e UEFA Euro), ruolo che non ha più ricoperto una volta diventato il Presidente della FIFA, è quindi sostituito da Giorgio Marchetti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy