Lecce, Donati: “In due mesi e mezzo nessuna strategia chiara sul calcio, stiamo diventando una barzelletta”

Giulio Donati, difensore del Lecce, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de Il Corriere dello Sport sulla possibile ripartenza della Serie A.

DONATI SULLA SERIE A

Donati

“Ho invidiato i miei colleghi. Ho pensato alla loro soddisfazione nel tornare in campo.Ma guardi che quando parliamo di campionato che riparte non dobbiamo pensare solo ai calciatori. C’è un intero movimento che dà lavoro a un sacco di gente che si è rimesso in moto. Mi sto riferendo ai magazzinieri, collaboratori vari, membri dello staff, tutte persone che hanno uno stipendio normale. Una squadra di calcio è tale anche grazie al lavoro di tutti loro”.

Sulla ripresa: “Io preferisco giocare, fare il mio lavoro, chiudere questa stagione e attrezzarci per la prossima. Ma siamo fermi al chiacchiericcio. In due mesi e mezzo in Italia sul calcio non si è lavorato a nessuna strategia chiara. Stiamo diventando una barzelletta. Mi creda, questa situazione di eterna attesa è mortificante per noi e per tutti quelli che lavorano nel calcio. Non si può ogni volta rimandare una decisione, ma è quello che sta succedendo in Italia. Non abbiamo certezze su niente. In Spagna e in Inghilterra sono pronti a ripartire, in Francia hanno preso una decisione opposta, ma almeno l’hanno presa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy