Demme, l’uomo della svolta: stasera duello cruciale con Eriksen

L’edizione odierna della Gazzetta dello Sport si sofferma sul mediano del Napoli, Diego Demme

L’edizione odierna della Gazzetta dello Sport si sofferma sul mediano del Napoli, Diego Demme. A gennaio Cristiano Giuntoli, il direttore sportivo del Napoli, ha completato l’acquisto giusto per mister Rino Gattuso. Gli ha preso Diego Demme, centrocampo italo-tedesco, nato in Germania da padre calabrese.

Demme, l’uomo della svolta

Demme
Diego Demme (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Demme è un Gattuso meno assatanato, ma con maggior piede e visione, un «regidiano», metà regista e metà mediano. Sa impostare e sa interdire. Se ragionassimo con i parametri della vecchia numerazione, diremmo che possiede la grinta del numero quattro e il senso geometrico del numero otto. L’innesto dell’italo tedesco ha permesso a Gattuso di rendere reversibile il sistema di gioco: 4-1-4-1 o 4-5-1 in ripiegamento, 4-3-3 in distensione. Diego ha trovato un’intesa naturale con Insigne, le mappe dei passaggi confermano che su quell’asse la palla scorre di frequente, con l’intercessione di Zielinski, l’interno mancino.

CLICCA QUI PER FOTO E VIDEO ESCLUSIVI!

Questa sera duello con Eriksen

La cabina di regia del Napoli (Demme) e la trequarti dell’Inter (Eriksen) si sovrapporranno di continuo e diventeranno un punto cruciale della scacchiera. La Rosea si interroga se a prevalere saranno la solidità e il razionalismo del tedesco-calabrese oppure i tiri avvelenati e gli assist lucenti dell’amletico danese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy