De Luca una furia: “Ho buttato il sangue, la Regione si è salvata per tre motivi!”

Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso del Consiglio Regionale di questo pomeriggio. Nel finale del suo intervento ha sferrato un pesante attacco rispondendo alle accuse.

DE LUCA È UNA FURIA

De Luca

Esprimo il mio totale disprezzo per coloro che sono intervenuti in questo dibattito offendendo la dignità della Campania. Il governo regionale ha buttato il sangue per salvare questa regione. Abbiamo retto solo per l’impegno straordinario di medici, infermieri, dipendenti pubblici e poi, permettetemelo, perché c’è stato un presidente che ha buttato il sangue dalla mattina alla sera. Voglio discutere con uomini che hanno onestà intellettuale e non con chi ignora i fatti. Dovreste vergognarvi e con voi non discuto: come diceva il filosofo Bacone, la stupidità non è un argomento.

I vostri interventi sono come le lettere di Totò, pensate e scritte mesi fa, non durante l’emergenza. Una demagogia insopportabile. Io qua non parlo come centrosinistra, ma chi se ne strafrega del centrosinistra? Parlo da uomo che vuole collaborare con uomini in buona fede, non mi importa del centrodestra, del centrosinistra.

Siamo l’unica Regione che fa un piano economico sociale da 1 miliardo di euro e alcuni consiglieri criticano? Prima la litania era pensare ai poveri e all’economica, allora? Un eminente statista in questo consiglio mi ha detto che non dobbiamo sostenere l’economica passiva ma quella attiva. Attivo-passivo sono concetti equivoci, ma che significa? Mi avete sottratto due ore di tempo per fare altre ordinanze in vista del 4 maggio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy