Napoli, i calciatori vorrebbero restare in casa: c’è paura del contagio da coronavirus

Napoli è diventata da pochi giorni, così come il resto dell’Italia, zona rossa per contrastare l’emergenza coronavirus. Gli azzurri nel corso della prossima settimana dovrebbero volare a Barcellona per giocare l’ottavo di finale di Champions League al Camp Nou. Porte chiuse, ma il rischio rinvio è concreto: Siviglia-Roma e Inter-Getafe in programma domani non si giocheranno.

I calciatori del Napoli hanno paura del contagio da coronavirus

Il quotidiano Il Roma si è soffermato sulla situazione che si vive all’interno dello spogliatoio del Napoli, la paura del coronavirus è grande. Ecco quanto scritto:

“Non è facile stare sul pezzo se poi c’è il rischio che qualche avversario o compagno possa essere portatore di contagio. Di certo la situazione è difficile ma fino a quando la Uefa non decide di annullare la sfida di mercoledì prossimo al Camp Nou contro il Barcellona non ci si può distrarre. Gli azzurri, come il resto dei cittadini, vorrebbero stare chiusi in casa con le rispettive famiglie ma per contratto non possono. Anche perché il decreto prevede che gli allenamenti per gli sportivi professionisti che devono giocare in Europa non ci sono limiti come per i dilettanti”.

Lozano
NAPLES, ITALY – DECEMBER 09: Hirving Lozano of Napoli during an SSC Napoli training session on December 9, 2019 in Naples, Italy. (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy