Coronavirus, uno studio dell’Iss svela: “Tracce del virus sulle mascherine dopo 7 giorni”

L’Istituto Superiore della Sanità ha condotto uno studio sulle tracce di Coronavirus sulle mascherine. Di seguito quanto scrive in merito il sito Adnkronos.

“Uno studio in laboratorio ha rilevato parti di virus nella parte interna delle mascherine dopo 7 giorni dall’inoculo”. Lo ha spiegato Rosa Draisci, del Centro nazionale sostanze chimiche, prodotti cosmetici e protezione del consumatore dell’Istituto superiore di sanità, rispondendo a una domanda nel corso dell’audizione del presidente Iss Silvio Brusaferro alla Commissione di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati.

IL CORONAVIRUS RESTA NELLE MASCHERINE PER 7 GIORNI

Coronavirus mascherine

Si tratta di una sperimentazione che prevedeva il rilevamento dei virus nelle diverse superfici. Nella parte interna delle mascherine – ha detto Draisci – è risultato” rilevabile “fino a 7 giorni”. “Si tratta – ha evidenziato Brusaferro – di uno studio scientifico in ambienti protetti, non è dunque immediatamente assimilabile a situazioni normali. Costruire un setting sperimentali vuol dire tenerlo protetto da luce del sole e da altri fattori che hanno una influenza” sui risultati nella vita reale. Lo riporta Adnkronos.

BUONE NOTIZIE DA CODOGNO

L’ultima volta è stato il 20 febbraio. Il pronto soccorso dell’ospedale di Codogno ha chiuso dopo quella notte, quando è stato accertato il primo caso di coronavirus in Italia, si trattava di Mattia.

Nelle prossime ore l’attività normale riprenderà ufficialmente e diversi vertici dell’Asst di Lodi insieme ai dirigenti medici sono pronti per “inaugurare” questo nuovo inizio. Presente, come riferisce l’ANSA, anche Francesco Passerini, sindaco del comune.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy