L’Ivermectin uccide il Coronavirus in 48 ore, dall’Australia arriva una speranza: i risultati dello studio svolto in “vitro”

Un nuovo farmaco si aggiunge alla lista di quelli possibili per lotta al Coronavirus: l’Ivermectin. Dopo le ricerche russe sull’Abidol e quelle giapponesi sull’Avigan, dai ricercatori della Monash University di Melbourne arriva questo nuovo nome. Stando a quanto riportato dai media, ucciderebbe il virus in 48 ore. Al momento, ovviamente, si tratta di uno studio. Non si conoscono, dunque, i risultati del suo utilizzo sui pazienti Covid-19.

L’IVERMECTIN UCCIDE IL CORONAVIRUS IN 48 ORE

Coronavirus Ivermectin

Al momento si può visionare un pre-proof: un articolo in attesa di pubblicazione di uno studio svolto “in vitro”. Cosa vuol dire? La sperimentazione «in vitro» cerca di simulare quello che potrebbe avvenire nell’organismo. Il passo successivo, quindi, è lo studio “in vivo”. Si passerà ad un organismo animale, per poi arrivare all’uomo. I risultati potrebbero essere diversi nella fase della seconda sperimentazione. Serve, infatti, stabilire con certezza i rischi dell’uso del farmaco e quali dosaggi utilizzare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy