Castellacci: “A Venezia un calciatore positivo, il Cts non ha ancora validato il nuovo protocollo”

Ai microfoni di Radio Punto Nuovo ha rilasciato un’intervista Enrico Castellacci, presidente L.A.M.I.C.A. Queste le sue parole.

Le parole di Castellacci

Castellacci

“A Venezia sta accadendo quello che abbiamo temuto potesse accadere. Un giocatore nei controlli ripetuti fatti dalla società, hanno trovato un giocatore positivo. Gli altri atleti e membri dello staff sono tutti negativi, ovviamente c’è un periodo di incubazione. Secondo le norme in essere, il giocatore è a casa sotto controllo dell’ASL e farà una quarantena di 14 giorni, tutti gli altri sono in ritiro fiduciario, in albergo. La norma ultima, quella di un ritiro fiduciario di soli 4 giorni con continui controlli, è validato o no? A quanto mi risulta, e potrei sbagliarmi, non è ancora stata validata.

Emerge il protocollo che c’era e che c’è, quindi i giocatori dovrebbero stare in quarantena per 14 giorni. Devono validare la norma di cui si è parlato ultimamente, che sembrava un passo in avanti notevole, se non accade, nascono problemi seri. Cosa si aspettava a validarlo? Che ci fosse un caso? Finalmente si è giunti ad un compromesso giustificato dalla bassa virulenza del virus, ma questa norma è stata portata avanti senza essere validata. Suppongo – e lo sottolineo – che il CTS si è riunito di urgenza per validare qualcosa che andava validata prima. Rischi? Mi auguro che il CTS validi quella norma espressa, quindi i giocatori possono essere controllati e successivamente scendere in campo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy