Napoli, da Mertens e Callejon ad Allan e il duo polacco: il punto sui rinnovi

Calciomercato Napoli rinnovi | La Serie A si ferma fino a data da destinarsi, l’unico dato certo è che la stagione si protrarrà oltre il 30 giugno. Troppe le gare da recuperare tra campionato, Coppa Italia e competizioni europee. Il Napoli intavola da mesi le trattative per i rinnovi dei contratti di alcuni tra i principali protagonisti della formazione azzurra. I casi di Mertens e Callejon, in scadenza il 30 giugno, sono quelli più emblematici, ma guardiamoli uno ad uno più nel dettaglio.

Napoli, i rinnovi più urgenti: Mertens e Callejon

Dries Mertens e José Maria Callejon, ad oggi, rischiano di non terminare la stagione. Nel corso dei mesi le parti si sono avvicinate, poi allontanate e di nuovo riavvicinate per trovare un accordo. Il belga, divenuto il miglior marcatore della storia del club, poche settimane fa ha stretto la mano del presidente De Laurentiis al termine di un pranzo sul lungomare partenopeo: il rinnovo ci sarà, bisogna soltanto formalizzare il contratto e firmare.

Più incerta la situazione dello spagnolo: De Laurentiis vorrebbe incontrare di persona lo spagnolo, come fatto con Mertens, ma al momento è impossibile. Un confronto faccia a faccia con il presidente potrebbe sbloccare questa fase di stallo. In caso di mancato prolungamento, José è molto richiesto in Spagna. Siviglia e Valencia sono in prima fila: uno svincolato di lusso!

Mertens è tornato titolare inamovibile con Gattuso in panchina, mentre il Napoli ha già investito sul perfetto sostituto di Callejon: Matteo Politano, un attaccante esterno che tanto piace all’attuale allenatore azzurro.

Mertens-Callejon
(Photo by SSC NAPOLI via Getty Images)

I casi di Allan, Zielinski, Milik

Allan ha intrapreso una parabola discendente dal momento in cui è saltata la trattativa con il PSG a gennaio dello scorso anno. La scadenza del contratto del brasiliano è lontana: il 2023 lascia ampi spazi di manovra per la dirigenza. Il club pensa ad prolungamento con ritocco dell’ingaggio, ma le recenti scintille con l’allenatore aprono ad una possibile cessione in estate. Il numero 5 potrebbe essere ‘sacrificato’ per fare cassa ed investire su altri profili. Gli arrivi di Diego Demme e Stanislav Lobotka aprono ad una (prossima) rivoluzione a centrocampo.

Piotr Zielinski, invece, è destinato ad essere un punto fermo del nuovo Napoli. Il contratto è in scadenza nel 2021, ma il rinnovo è pronto da firmare. Si attende soltanto la fine dell’emergenza coronavirus per il nuovo accordo fino al 2024: un ingaggio da 2,5 milioni di euro netti a stagione. La clausola rescissoria non è più un nodo da sciogliere: le parti sono arrivate a trovare un’intesa sulle cifre.

L’altro contratto in scadenza nel 2021 è quello di Arek Milik. Il numero 99 vanta sempre ottimi numeri in fase realizzativa, pur dando l’impressione di eterna incompiutezza. Tanti gol segnati, ma troppi sprecati. La ‘rimonta’ dell’amico e compagno di reparto Mertens gli ha fatto perdere il primato nelle gerarchie di Gattuso. Le trattative sono saltate ed il Napoli non ha alternative: in estate è obbligato a cedere Milik! Questa, infatti, è l’ultima finestra di mercato in cui la dirigenza potrà valorizzare al meglio la sua cessione: a gennaio il calciatore perderebbe di valore, considerando la possibilità di svincolarsi a parametro zero appena sei mesi dopo.

Milik Napoli
Foto SSCN

Maksimovic, da oggetto misterioso a garanzia difensiva

L’ultimo tra gli azzurri in trattativa per il prolungamento del contratto è Nikola Maksimovic. Il difensore serbo aveva vissuto finora soltanto stagioni da comprimario o addirittura da oggetto misterioso. L’infortunio di Koulibaly, però, gli ha permesso di trovare una grande intesa difensiva con l’altro centrale Kostas Manolas. Raggiunto l’accordo su ingaggio e clausola rescissoria (da oltre 50 milioni): manca solo la firma. Così come per Zielu, si attenderà soltanto la fine dell’emergenza sanitaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Luca D’Isanto

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy