L’ex arbitro Boggi: “Nicchi, pericolo ventennio come con Mussolini. Mai parlato di una Calciopoli in atto”

L’ex arbitro Robert Boggi ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni su Nicchi, sul VAR e tanto altro

Boggi: “Ho parlato della possibilità di una nuova Calciopoli”

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Robert Boggi, ex arbitro internazionale:

Io ho parlato di possibilità sulla nuova Calciopoli, ma che allo stato attuale non credo ci sia. Se è successo con 44 arbitri, potrebbe succedere anche con 20, sempre per la sciagurata idea di aver separato C.A.N. A dalla C.A.N. B. Quando ho dato le dimissioni avevo previsto che ci sarebbe stato quello che c’è stato e avvertii di fare attenzione. Prima dell’uscita delle elezioni dissi al presidente di una sezione: “Dopo il ventennio di Mussolini ed il ventennio di Berlusconi, avrete quello di Nicchi”. Nicchi ha commesso un errore prima di tutto tecnico: non abbiamo un arbitro pronto da mandare al Mondiale. Conosco Gravina, un vero appassionato, credo abbia le mani legate. Hanno fatto una riunione qualche giorno fa per cambiare regolamento ed all’unanimità hanno approvato il piano di Nicchi. Così Gravina fa molta difficoltà ad andare contro un soggetto monolitico. Ho saputo che i presidenti delle varie sezioni prendono 10 euro in più per il lavoro svolto

Sul VAR

Come tutte le cose bisognerebbe trovare un sistema per mettere tutti d’accordo. Un protocollo intelligente sarebbe far rivedere l’azione alla società, così da evitare qualsiasi noia. Noi eravamo la generazione di Casarin, il problema non è la forma, ma la sostanza. Se c’è un rigore, è rigore, che problema c’è se lo individua un altro e non io? Secondo me c’è un errore nel protocollo, noi dobbiamo arrivare alla verità, non importa come

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy