L’ex arbitro Boggi: “Troppi mandati per Nicchi. Comunicato AIA? Nulla da temere, ho detto cose vere”

L’ex arbitro internazionale, Robert Boggi, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni sul comunicato AIA ricevuto e su Calciopoli

L’ex abirtro Boggi: “Voglio precisare la questione di Calciopoli”

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto l’ex arbitro internazionale Robert Boggi:

Comunicato AIA? Non hanno niente da fare e che pensare. Ho detto tutte cose vere, provate. Andiamo in tribunale, la differenza che passa tra me e loro, io sono malato e non so neanche quanto tempo mi resta, loro di me cos’hanno paura? Ho espresso solo un mio giudizio è meglio che non facciano niente, io non ho offeso nessuno, gli ho anche fatto i complimenti. Quando si fanno le elezioni chi vince prende tutto, non c’è neanche occasione di presentare qualcosa di diverso: se questa è democrazia, allora hanno ragione loro. Gli arbitri si dovrebbero preoccupare, invece di essere coccolati o guidati… un minimo di democrazia interna farebbe bene. Se si sono offesi sulla questione di Calciopoli, la preciso. Se è successa calciopoli con 44 arbitri da gestire, non è più semplice che accada su 20? Ci sono tutti i presupposti, se questa è un’offesa… Nicchi non avrebbe dovuto fare il terzo mandato, figuriamoci il quarto, cos’è una monarchia? C’è bisogno di giovani in quest’associazione

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy