Juve, il bilancio è in rosso: grossa perdita per i bianconeri

I conti della Juve non tornano: il bilancio è in rosso. C’è un deficit di 72 milioni che non consentirà voli pindarici in chiave mercato. Si tornerà prepotentemente sul mercato solo tramite cessioni molto remunerative, opzione che i dirigenti non escludono assolutamente. Di seguito la situazione sul mercato.

Bilancio Juve in rosso, la situazione

Bilancio Juve

Il problema, in ogni caso, è quello di trovare un acquirente che possa mettere nelle casse bianconere contante da girare a Paratici per acquistare qualche rinforzo. Lo riporta l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. Non arriverà, quindi, Arek Milik.

La Juve dice no a Milik

Arek Milik non ha voluto nel corso di questa stagione rinnovare il suo contratto con il Napoli. Gli azzurri allora sono subito corsi ai ripari, con l’acquisto di due attaccanti complementari che, insieme a Mertens, rifiniscono il reparto offensivo. Per l’attaccante ex Ajax a Napoli allora non c’è più lo stesso spazio di prima. Il polacco voleva fortemente la Juventus, che precedentemente (quando ancora c’era Sarri alla guida tecnica) sembrava particolarmente interessata. Ora i bianconeri hanno fatto sapere al giocatore che non ci sono più margini per un accordo, e Milik starebbe pensando seriamente di accasarsi alla Roma, in quello che è un triangolo di mercato molto interessante che coinvolge anche Dzeko e Suarez. Se la Roma si priverà del bosniaco (sempre direzione Juventus), allora ci sarà l’assalto finale a Milik. Ma se la Juve dovesse prendere Suarez allora molte cose potrebbero cambiare. Alfredo Pedullà, esperto di mercato di Sportitalia, con un Tweet rende noti gli ultimi aggiornamenti sulla situazione.

“Milik vuole la Juve, ma la Juve nelle ultime ore gli ha comunicato che non ci sono più margini di accordo con il Napoli. L’attaccante pensa seriamente alla Roma. Con Dzeko sempre in bilico: la Juve aspetta gli sviluppi per Suarez ma non lo molla”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy