Tragedia a Beirut, il Napoli sui social: “I nostri pensieri sono col popolo libanese”

Il Napoli, attraverso il proprio profilo Twitter ufficiale, ha espresso la propria vicinanza alla popolazione libanese dopo i fatti di Beirut.

“I nostri pensieri sono con #Beirut e il Popolo libanese”.

Beirut, il video dell’esplosione

beirut

due forti esplosioni scuotono l’intera città. Il disastro ha avuto origine nella zona del porto, non è chiara la dinamica ma sembra che il materiale esplosivo fosse un particolare nitrato sequestrato alcuni mesi fa e conservati in un deposito. Oltre 500 feriti, alcuni ancora bloccati sotto le macerie: ci sono anche dei morti, ma i numeri non sono stati comunicati.

 

L’esplosione e l’impressionante boato è stato avvertito in ogni parte della città libanese, che appare adesso distrutta. Le foto su Twitter fanno il giro del mondo, la redazione di CalcioNapoli1926.it ve ne propone alcune:

La ricostruzione

Oltre 100 morti, 4.000 feriti e allo stato attuale almeno 100 dispersi. Queste sono le ultime notizie che giungono da Beirut, dopo che una grave esplosione ha praticamente devastato la città libanese. Il ministro della Salute, Hamad Hasan, non nasconde le critiche condizioni e invita, chiunque possa, a lasciare quanto prima il posto. Sono state nello specifico due le esplosioni di materiali pericolosi e le deflagrazioni potrebbero avere effetti a lungo termine mortali.

 

Intanto, riferisce l’ANSA, che secondo le ultime informazioni si è riuscita a ricostruire la causa dell’accaduto. Si è trattato dell’esplosione di un deposito nel porto di Beirut, nel quale erano immagazzinate ben 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrate anni fa da una nave. L’inchiesta è in corso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy