Antonio Cioffi, dalla Primavera convocato in Prima Squadra. Ma la Scugnizzeria?

Antonio Cioffi, attaccante, classe 2002, convocato in prima squadra dalla Primavera del Napoli. Le numerose defezioni tra gli attaccanti hanno allertato Mister Gattuso che è corso ai ripari convocando il talentuoso attaccante, originario di Maddaloni. Ma scopriamo qualche dettaglio del giovane calciatore. Detto Tony tra gli amici, piede destro, preferisce agire da attaccante esterno a sinistra, nel Napoli ha attraversato le trafile del settore giovanile, fino all’under 17 e alla Primavera. Il numero di maglia con cui farà il suo debutto in prima squadra è il 58. Ha un buon feeling con il goal ed oggi è considerato titolare inamovibile della formazione di Mister Cascione. Chissà che Rino Gattuso non decida di regalargli l’esordio in Serie A.

Le defezioni in attacco

C’è da dire che la convocazione del talentuoso attaccante è dovuta principalmente all’importante emergenza nel parco attaccanti, Osimhen stava per rientrare dall’infortunio alla spalla ed è risultato positivo al Covid. Mertens è ancora infortunato e si spera di poterlo recuperare in vista della finale di Supercoppa contro la Juventus. Due attaccanti veloci e tecnici, considerati centrali nel progetto tattico di Mister Gattuso. Al centro dell’attacco, nelle prossime partite, ci sarà l’ariete Andrea Petagna, che con caratteristiche fisiche e tattiche differenti proverà a sostenere il peso dell’attacco partenopeo. Disponibile in panchina anche Fernando Llorente che, con la valigia pronta verso nuovi lidi, nell’attuale gestione tecnica ha collezionato solo una manciata di minuti, nell’unica presenza stagionale contro il Torino. Per non parlare di Arek Milik, per cui dovrebbe essere trovato un accordo per la cessione in questa finestra di mercato invernale.

llorente
Foto SSCN

La Scugnizzeria?

Al di là del grande in bocca al lupo per Antonio Cioffi, dalla primavera convocato in prima squadra, che saremo pronti a sostenere nella sua esperienza con la prima squadra, la tifoseria e gli addetti ai lavori si continuano a chiedere come mai, il progetto scugnizzeria stenti a decollare. La Campania è una regione che ha dimostrato di poter coltivare numerosi talenti che per essere valorizzati sono talvolta costretti ad emigrare nei settori giovanili delle squadre del Nord. Occorrono strutture ed investimenti adeguati a valorizzare i talenti nostrani. Auspichiamo di poter integrare in futuro, giovani che si faranno notare per la bravura e non necessariamente per le defezioni legate a indisponibilità ed infortuni.

L’aforisma

Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada, lì ricomincia la storia del calcio.
(Jorge Luis Borges)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy