Ancelotti: “A Napoli esperienza positiva, dico una cosa su Lozano. Juve di Sarri? Scudetto meritato”

Carlo Ancelotti, allenatore dell’Everton ed ex Napoli, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Radio Rai. Queste le sue parole nel corso della trasmissione Radio Anch’io lo Sport.

“Il campionato è finito, adesso avremo qualche giorno di vacanza. È stata una stagione lunghissima, iniziata a metà luglio 2019 e finita adesso. Il calcio è stato molto diverso dopo la pandemia, meno piacevole e molto più tecnologico, non solo per il VAR. Il fatto che gli stadi siano vuoti limita molto l’emozione. Non è bello e l’augurio è quello di tornare il prima possibile a rivedere gli stadi pieni”.

Le parole di Ancelotti

Ancelotti

Cosa pensa delle ultime vicende del Milan? Giusto confermare Ibra?

“Confermare Ibra non è giusto ma doveroso. È un giocatore ancora indispensabile. Credo poi che sia stato giusto confermare Pioli, ha fatto un ottimo lavoro, ha preso una squadra in difficoltà e l’ha tirata fuori”.

Cosa pensa dei tantissimi rigori che vengono assegnati in Italia?

Qua in Inghilterra l’utilizzo del VAR è diverso, gli arbitri vanno molte meno volte a rivedere le azioni. Sono sempre stato a favore del VAR, adesso inizio a nutrire qualche dubbio. Sul fuorigioco è fondamentale ma quando l’arbitro può interpretare ci sono più problemi. Sui falli di mano c’è tanta confusione, serve un cambiamento, magari con la reintroduzione della volontarietà”.

Cosa pensa della vittoria dello scudetto di Sarri?

“Lo scudetto è stato meritato, rispetto al passato la Juve ha avuto più difficoltà: non è stata una cavalcata, c’è stata più incertezza, soprattutto nella parte finale. Sarri ha fatto un ottimo lavoro, ha avuto la capacità di adattarsi bene e il prossimo anno sono sicuro che inciderà di più”.

Perché si dice che Sarri non è da Juventus?

“Non è giusto dirlo, merita di stare su una grande panchina come quella della Juve. Le critiche sono normali, parliamo della squadra più forte in questo momento in Italia”.

Crede di essere arrivato a Napoli nel momento sbagliato?

“Per qualcuno può essere stata un’esperienza positiva, per altri negativa. Io penso che sia stata positiva, quest’anno abbiamo avuto qualche difficoltà ma abbiamo passato il turno in Champions. Il Barcellona ha qualche problema adesso e il Napoli se la può giocare. Non penso che ci sia una squadra favorita. Le italiane si possono giocare le loro carte”.

Cosa pensa di Lozano?

Per me rimane un ottimo attaccante e un ottimo giocatore in generale. L’adattamento, il primo anno, va messo sulla bilancia. L’anno prossimo sarà un’altra cosa”.

La sua carriera da allenatore in Italia è finita?

“Non lo so. Mi è piaciuto ritornare in Italia dopo 9 anni ma ora mi trovo molto bene qui. Questa è una società molto amata dai tifosi. Vogliamo crescere per ripagare questo immenso amore, il progetto è chiaro e c’è voglia di investire, anche con il nuovo stadio. In Inghilterra si punta molto sul fisico, il calcio inglese non è cambiato molto negli ultimi anni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy