Agroppi: “Sarri non ha meriti, alla Juve vincono tutti. Non dico che rubano, ma…”

Aldo Agroppi, allenatore ed ex centrocampista del Torino, è intervenuto oggi ai microfoni di Radio Punto Nuovo per commentare lo scudetto vinto da Maurizio Sarri alla Juventus. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli1926.it:

“Merito di Sarri? Macché, alla Juve vincono tutti. La Juventus prende l’anima degli altri, chi ha il potere – in qualsiasi ambito – comanda, prima con gli Agnelli ed ora con “l’Agnellino”. In tutti i campi della vita, chi è padrone della situazione, di un’azienda, comanda. Tutti si inchinano di fronte al padrone, al miliardario. Aiutini alla Juve in difficoltà? La Juventus ha sempre dimostrato di essere la padrona. Non dico che la Juve ruba, ma che gli arbitri sono condizionati. Ne esistono pochi che sono distaccati per esperienza e determinazione, quelli nuovi sono spaventati da queste società. Quando uno di loro si trova davanti alla Juventus, non vuole fare brutta figura, quindi nel dubbio assegnano tutto a favore della squadra bianconera”.

Agroppi: “Sarri non ha meriti, tutti vincono alla Juventus”

MILAN, ITALY – OCTOBER 06: Head coach of FC Internazionale Antonio Conte (R) shakes hands with head coach of Juventus Maurizio Sarri before the Serie A match between FC Internazionale and Juventus at Stadio Giuseppe Meazza on October 6, 2019 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani – Inter/Inter via Getty Images)

“I tifosi del Torino devono essere grati a Cairo, perché a suo tempo salvò la squadra. Ha fatto la storia del Torino nel bene e nel male, i tifosi non devono contestare un presidente per una stagione disastrosa, bisogna ringraziarlo e sollecitarlo a fare una formazione migliore. Quello visto quest’anno è un organico senza valori assoluti. Tolti Sirigu e Belotti, il resto è frittura. Se Cairo vuole continuare, deve rafforzare la squadra non per vincere lo scudetto, tanto la vincerà sempre la stessa, ma per competere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy