Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Gentile: “Senza protocolli sicuri, il Napoli fa bene ad opporsi alla Coppa d’Africa”

Kalidou Koulibaly (Photo by Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Ecco le dichiarazioni di Ivan Gentile sulla situazione legata alla Coppa d'Africa

Raffaele Troiano

Ivan Gentile, direttore della scuola di specializzazione in malattie infettive tropicali dell'Università Federico II di Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo. Durante l'intervista ha parlato della situazione legata alla Coppa d'Africa.

Ivan Gentile: "Senza protocolli sicuri, il Napoli fa bene ad opporsi alla Coppa d'Africa"

 Koulibaly e Osimhen (Getty Images)

Di seguito ecco le dichiarazioni di Ivan Gentile:

“Nessuno è al sicuro in questo momento in ogni parte del mondo. Ci sono Nazioni meno fortunate di noi, con standard sanitari ed economici inferiori, in cui il tasso di vaccinazione è molto basso e la diffusione del virus è piuttosto alta. In quelle zone del mondo c’è un rischio maggiore per meno vaccini e maggiori assembramenti. Bisogna fare tutto nella massima cautela possibile, seguire le procedure per ridurre al minimo i pericoli di infezione. Il rischio zero non esiste. Non so che protocolli utilizzeranno ma il classico assembramento umano genera allarme. I vaccini che utilizziamo oggi sono quelli della sequenza di Whuan. Quel vaccino protegge anche dalla variante Delta che però dopo tre mesi inizia a scendere. Per la variante Omicron la terza dose del vaccino è protettiva.

Coppa d’Africa? Non devo ragionare da tifoso, bisogna avere un protocollo e capire con che modalità si fanno i tamponi, le norme di precauzione, considerando che in un ambiente del genere non si può mettere al sicuro al 100%. Da medico devo pensare che la salute viene prima di tutto, quando mi sveglio la mattina vado a salvare persone. Bisogna sapere cosa si va a fare, come si fa, altrimenti fa benissimo De Laurentiis ad opporsi. Per i soggetti vaccinati, il periodo di incubazione del virus è di 7 giorni, ma se dovessero circolare le varianti i tempi sarebbero più lunghi. Qualora dovessero partire i giocatori arrivando in finale, non ce la farebbero a giocare contro l’Inter. Resto ottimista perché finora quello che ha fatto il Napoli non è stato per caso. I conti si faranno alla fine e speriamo di non rimandare anche quest’anno la vittoria”.