Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Maccarone: “Spalletti il migliore. Fui vicino al Napoli, ne ero tifoso da bambino”

EMPOLI, ITALY - MAY 21: Massimo Maccarone of Empoli FC shows his dejection during the Serie A match between Empoli FC and Atalanta BC at Stadio Carlo Castellani on May 21, 2017 in Empoli, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

L'ex attaccante dell'Empoli, Massimo Maccarone, ha rilasciato alcune dichiarazioni quest'oggi a Radio Punto Nuovo

Tony Sarnataro

L'ex attaccante dell'Empoli, Massimo Maccarone, ha rilasciato alcune dichiarazioni quest'oggi a Radio Punto Nuovo. A seguire le sue principali parole.

Le parole di Maccarone

 (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

“Ho bei ricordi a Napoli, simpatizzo per gli azzurri da quando ero bambino. Ho avuto Sarri per 3 anni, Spalletti comunque è passato per le parti di Empoli. Quest'ultimo sta dimostrando di essere il migliore: ha preso il Napoli e l’ha portato a giocare un bel calcio, fa risultati e la squadra mostra carattere nei momenti di difficoltà. Non si dà alibi per infortuni o squalifiche. Sono stato vicino al Napoli in un paio di occasioni ma non se n’è mai fatto nulla. Era il primo anno che ero a Siena, quando il Napoli tornò in Serie A. Mi sarebbe piaciuto, ne ero tifoso da quando ero bambino. Avendo mio padre napoletano era un sogno anche suo. Padre napoletano, madre piemontese come me ma vivo in Toscana, sono un misto. Sarebbe piaciuto a anche mio padre vedermi in azzurro. Ho visto un Napoli contro il Leicester che ha tirato fuori nelle difficoltà gran carattere portando a casa una grande vittoria. Mi è piaciuto molto Petagna, soprattutto nel secondo gol per un attaccante che gioca poco non è facile non tirare da lì, ma lui è stato bravo e freddo a far segnare il compagno. L’Empoli sta bene mentalmente, è una squadra pericolosa, viene da un momento molto positivo e la testa incide molto in questi casi. Giocherei volentieri in questo Empoli, da quando è arrivato Sarri ha cambiato la mentalità della piccola squadra che dovrebbe stare lì dietro e subire”.