Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimissime calcio napoli

Braida: “Il Napoli deve aspettare Gaetano, è bravo ma non tutti sono Gavi”

(Getty Images)

Ariedo Braida, dirigente sportivo, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli

Francesco Melluccio

Ariedo Braida, dirigente sportivo ora consigliere strategico alla Cremonese, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli nel corso della trasmissione Radio Goal. Da ex direttore sportivo del Milan ha parlato di Carlo Ancelotti, che ieri ha battuto il PSG negli ottavi di finale di ChampionsLeague. Il focus però è andato anche su Gianluca Gaetano, ora alla Cremonese, che potrebbe tornare a Napoli a fine stagione.

Le parole di Ariedo Braida su Ancelotti e sul possibile ritorno di Gaetano a Napoli

 Braida su Messi (Getty Images)

Di seguito le parole di Ariedo Braida, direttore sportivo storico del Milan, ora consigliere alla Cremonese, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli.

"Chi è abituato a vincere vince, chi non sa vincere non vince, nel calcio contano solo i risultati, questa è la realtà di fatti. A volte il risultato può arrivare in diverse maniere ma il calcio va vissuto per quello che è, Ancelotti è un grande allenatore e ha fatto bene ovunque, tornare alle critiche sul suo momento a Napoli non ha senso. La strada per imparare a vincere è complicata, A Napoli ha avuto una parentesi con alti e bassi, anche la fiducia che la società ti da è fondamentale. Il calcio è fatto di tanti aspetti e momenti, anche Carlo non è perfetto come non lo è nessun tecnico.

L'atteggiamento del Napoli da ora in poi dovrà essere di qualcuno che deve tornare a vincere, le partite si possono anche perdere ma l'importante è quello che viene dopo. Servono calciatori carismatici, di personalità, il Milan è lontano solo tre punti, basta un passo falso ed è ripreso.

Gaetano? Ha bisogno di un percorso, è venuto qui alla Cremonese per crescere, sta trovando la sua identità. Ne ho parlato con Ancelotti diverse volte, l'ho sentito anche questa mattina, non era troppo esaltato per la vittoria del Real perché un grande allenatore sa che se lavori per squadre di questo livello sei condannato a vincere. Non ci sono altre strade. Gaetano sta facendo bene, sta crescendo, bisogna saper anche aspettare quindi non so dirti se è già pronto per il Napoli. Non tutti sono Ansu Fati, Gavi, che fanno gol in Champions. Ognuno ha la propria strada e la propria identità, Gaetano ha bisogno solo di tempo".