Borriello: “Il calcio senza pubblico perde di bellezza, vogliamo riaprire il San Paolo”

Borriello: “Il calcio senza pubblico perde di bellezza, vogliamo riaprire il San Paolo”

di Armando Inneguale, @ArmInne28
Borriello cittadinanza Mertens

Ai microfoni di Radio Punto Nuovo ha rilasciato un’intervista Ciro Borriello, Assessore allo Sport del Comune di Napoli. Queste le sue dichiarazioni.

LE PAROLE DI BORRIELLO

Borriello cittadinanza Mertens

“Non capivo la disparità di trattamento tra stadio e cinema o teatro. Parliamo di luoghi chiusi. Ciò che mi spaventa non è la fine di questo campionato, ma l’inizio del prossimo. Si perderebbe la bellezza di uno degli sport più seguiti che ci sono. Se il campionato dovesse svolgersi al Centro-Sud, dove la previsione per giugno è 0 contagi, perché non pensare ad un sediolino e tre no per riaprire gli stadi?

Creare un movimento d’opinione in questo senso, potrebbe portare un po’ di pressione sana per far arrivare il messaggio a chi di dovere. De Luca ha fatto un’apertura per il calcio Napoli ed il calcio in generale. Ha messo da parte il lanciafiamme e per far ripartire un settore importante. Settimana prossima si tornerà a fare sport, riapriranno le palestre, non meritiamo una chiusura totale. 

Napoli-Milan con qualche migliaio di persone al San Paolo? Sarebbe bellissimo, ma è una cosa che deve passare per il Governo, la Federazione, la Lega. Noi come Comune non ci penseremmo due volte, noi intanto possiamo fare quella “pressione” per far riaprire gli stadi al Sud. Sicuramente al Nord non riapriranno, quindi è difficile vederli riaperti al Sud.

Ci sono troppe variabili, ma penso sia una campagna che può partire. Sono tutti atleti controllati, se possono giocare, possono anche spostarsi in giro da regione a regione. Non ci sarebbe nessuna difficoltà, ma anzi sarebbe bellissimo ospitare il finale di questo campionato nel Mezzogiorno, una rivincita per il Sud”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy