Bianchi sull’emergenza coronavirus: “Non è più vita, ci siamo ritrovati dentro questo orribile film”

Bianchi sull’emergenza coronavirus: “Non è più vita, ci siamo ritrovati dentro questo orribile film”

Ottavio Bianchi, ex allenatore del Napoli, ha rilasciato un’intervista ai microfoni del Corriere dello Sport

di Domenico D'Ausilio, @dom_dausilio
Ottavio Bianchi

Ottavio Bianchi, ex allenatore del Napoli, ha rilasciato un’intervista ai microfoni del Corriere dello Sport. L’ex tecnico del primo scudetto azzurro si è soffermato sull’emergenza coronavirus.

Bianchi sull’emergenza coronavirus

Bergamo e Brescia rappresentano il perimetro della vita di Ottavio Bianchi: c’è il suo vissuto, che ora contiene il dolore. “Una vita che non è più vita. Rinchiuso dentro casa senza avere un orizzonte, in giornate che sono tutte eguali e tutte piatte, aspettando il bollettino serale dei TG che fanno la conta dei morti. Voci che si accavallano, quella di parolai, con contraddizioni che si intrecciano”.

C’è da temere anche il «dopo», ovviamente. “Il telefono adesso è un tormento: hai paura che ti chiamino per dirti che un parente o un amico sia scomparso. Ho davanti agli occhi, ogni notte, le immagini delle bare portate sui camion militari. E’ la scena più dolorosa a cui abbia assistito: ci siamo ritrovati dentro a questo orribile film, però scoprendo che era la realtà a cui siamo stati costretti. Vorremmo il conforto della scienza ma spesso i virologi sono in contrasto tra di loro. C’è fumo nelle teorie e psicologicamente si fa sempre più dura”.

La fase-2 cosa è per lei? “Non è cominciata e sono privo di immaginazione. Penso a chi ha lavorato una vita intera per un negozio, un bar, un ristorante ma non sanno quando riapriranno e come. E penso anche ai nostri nonni, ai genitori, a noi stessi, ai nostri figli, a chiunque abbia fatto sacrifici per costruire qualcosa che sta sparendo, sotto il peso della crisi economica”.

È difficile riuscire a essere positivi. Siamo stati bravi e rigorosi nei comportamenti, almeno così mi sembra. Però poi se sto lì a riflettere mi accorgo che ci vorrebbe una prospettiva, fosse anche solo per una passeggiata, pochi metri, quelli che servono a chi ne ha veramente bisogno. E poi per chi come me ha un’età, per quella fascia di persone che si chiama anziana, ora c’è l’oblio: non muovetevi, non dovete, non potete. Mentre invece il fisico ne ha bisogno: sgranchirsi le gambe non è un desiderio stupido di chi è vecchio, per qualcuno è una necessità”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy