Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

serie a

Thuram critico: “In Italia manca il coraggio di denunciare problemi di razzismo”

(Getty Images)

Ai microfoni di Propaganda Live, programma in onda su La7, Lilian Thuram ha parlato del razzismo, tema all'ex calciatore molto caro, combattuto ardentemente ancora oggi

Edoardo Riccio

Ai microfoni di Propaganda Live, programma in onda su La7, Lillian Thuram ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla tematica legata alla lotta al razzismo in Italia. Il tema è balzato in primo piano, dopo gli episodi di Firenze che hanno coinvolto Koulibaly, calciatore del Napoli.

Thuram: "I giocatori in Italia sono neutrali, bisogna denunciare il razzismo"

 (Getty Images)

Di seguito le parole rilasciate dall'ex calciatore:

Sull'inginocchiamento prima delle partite

"Io credo che ti dà l’immagine che ci sono dei giocatori che non capiscono la problematica del razzismo. In più, c’è una cosa molto interessante: tanti dicono di non mischiare calcio e politica. Però bisogna ripetere al giocatore che il fatto di non mettersi in ginocchio è un atto politico. Vuol dire che non ti frega della battaglia contro l’ingiustizia: bisogna educare i giocatori. A me piace molto Henderson, capitano del Liverpool, un bianco che dice che bisogna inginocchiarsi per far riflettere la gente".

Sul razzismo in Italia

"Io credo che in Italia e in Francia manchi il coraggio di denunciare certe cose, i giocatori hanno paura e non capiscono cosa sia il razzismo. Pensano di essere neutrali, ma non puoi esserlo: vuol dire che non fai niente per cambiare le cose. Io penso che se ci sono dei giocatori che si debbano mettere in ginocchio siano gli italiani: in Italia spesso purtroppo ci sono problematiche legate al razzismo

. Io sono arrivato nel 1996 e siamo al 2021, ma c’è ancora il problema del razzismo. Basta ipocrisie, i calciatori bianchi devono chiedersi cosa possono fare per cambiare la situazione, perché loro hanno un potere incredibile".