Calcio Napoli 1926
I migliori video scelti dal nostro canale

serie a

Sarri, l’ex collaboratore: “Maurizio ha portato un calcio nuovo per le big”

VERONA, ITALY - OCTOBER 24: Maurizio Sarri head coach of SS Lazio looks on during the Serie A match between Hellas and SS Lazio at Stadio Marcantonio Bentegodi on October 24, 2021 in Verona, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Le parole di Massimiliano Bongiorni

Giovanni Montuori

A Radio Marte, nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete", è intervenuto Massimiliano Bongiorni, ex membro staff Sarri a Napoli nel 2015-16 ed attuale vice allenatore della Virtus Entella, ha parlato della sua esperienza al fianco dell'attuale tecnico della Lazio.

Sarri, l'ex collaboratore: "Maurizio ha portato un calcio nuovo per le big"

 (Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

"Napoli-Lazio? Cuore diviso a metà ma più dalla parte del Napoli, almeno un 70%. Ho grande stima per Maurizio e abbiamo un legame forte ma Napoli mi ha lasciato tanto dal punto di vista umano e professionale. La stagione 2017/2018? Si possono dare 1000 spiegazioni, anche la casualità e qualche situazione. Difficile dare una spiegazione giusta e logica a quell'epilogo.

Analogie con la prima stagione del triennio Sarri? La Juve partì male ma anche noi non avevamo iniziato benissimo, poi dopo Napoli-Bruges trovammo la quadra e arrivammo al primo posto. Poi la Juventus fece il filotto di vittorie, arrivando poi a vincere lo scontro diretto a Torino. Il primo anno di Maurizio si respirava una bellissima aria, si praticava un calcio bello e nuovo per le big. Anche se non arrivò lo Scudetto fu un anno da incorniciare.

Scudetto? I valori penso siano questi. L'Inter ha vinto lo scontro diretto con il Napoli e il Milan ha perso, rientrano anche loro per la vittoria finale. La Juventus è molto attardata, le romane devono trovare la continuità, il discorso quindi è da ridurre alle tre. Il Napoli è arrivato alla maturità tale da parte di giocatori, società e pubblico. Al timone c'è un allenatore bravo e competente, quindi penso sia l'anno giusto. Spalletti dagli effetti negativi fa emergere cose positive, farà bene a Napoli come ha fatto anche a Roma, altra piazza difficile. Il valore aggiunto potrebbe essere la vittoria finale".